Capitale Europea della Cultura 2019, Venezia torna in corsa. Si ricompatta la compagine del Nordest: e alla stesura del dossier di candidatura lavora l’esperto Roberto Daneo

Aprile è stato il mese delle tribolazioni. Come riportato da Artribune, mentre tutti i candidati correvano verso l’appuntamento di settembre, data in cui le città che hanno espresso l’intenzione di partecipare alla competizione europea dovranno presentare il dossier di candidatura, Venezia, capofila della rete di territori uniti sotto la dicitura “Nordest”, cominciava ad esprimere, per […]

Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni

Aprile è stato il mese delle tribolazioni. Come riportato da Artribune, mentre tutti i candidati correvano verso l’appuntamento di settembre, data in cui le città che hanno espresso l’intenzione di partecipare alla competizione europea dovranno presentare il dossier di candidatura, Venezia, capofila della rete di territori uniti sotto la dicitura “Nordest”, cominciava ad esprimere, per voce del Sindaco Giorgio Orsoni, alcune perplessità (“La candidatura non porta soldi, non porta niente, porta solo turisti dei quali Venezia non ha bisogno”, Corriere del Veneto, 1 aprile 2013). Ma quello che sembrava essere uno stop, anche piuttosto tranchant, si è poi invece rivelato solamente “un momento di riflessione”, con la presa di posizione da parte delle città partecipanti alla cordata, come Trieste, Trento, Bolzano, che avevano fortemente riconfermato il proprio interesse a partecipare alla competizione e il ripensamento del Comune di Venezia, ritornato circa un mese dopo sui propri passi. È del 7 maggio, infatti, la notizia della ripartenza della corsa europea sul Corriere del Veneto. Riporta Monica Zicchiero: “Il sindaco Orsoni ha dato la sua disponibilità a fare di Venezia la promotrice del progetto, ‘valorizzando l’esperienza maturata in questi anni di condivisione di iniziative culturali con i suoi partner’.
Questa, riassumendo, la fredda cronaca. Ma ora la domanda è non tanto cosa è successo, ma cosa accadrà da qui a settembre, i mesi caldi in cui si giocherà la prima partita della candidatura. Proprio ieri, 12 giugno, Venezia con il Nordest Capitale Europea della Cultura 2019 ha reso noto – si legge nel comunicato – che “il Comitato dei Promotori, presieduto da Innocenzo Cipolletta, riunito nella sede Comunale di Ca’ Farsetti a Venezia, ha dato l’avvio formale ai lavori per la costruzione del Dossier di candidatura di Venezia con il Nordest a Capitale Europea della Cultura 2019. Sarà Roberto Daneo, già direttore del Comitato di Candidatura per Expo 2015 e direttore delle Relazioni Istituzionali per le Olimpiadi di Torino, tra gli altri incarichi assunti, a coordinare la stesura del dossier, da presentare il 20 settembre al Mibac, con uno staff che lo affiancherà.

– Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.