Dresscode: cappotto. Ma no, ai Frigoriferi Milanesi l’atmosfera sarà rovente, con il video screening abbinato alla spaghettata notturna…

Mostre, seminari e workshop, organizzate da Frigoriferi Milanesi per tenere alta la bandiera dell’arte in occasione della Settimana della Comunicazione 2012. In altre parole, i Frigodays. È questo il nome scelto dal centro d’arte milanese per il proprio calendario di iniziative presentate fino al 7 ottobre, che prevedono anche la collettiva Fight – Specific Isola, […]

Un interno dei Frigoriferi Milanesi

Mostre, seminari e workshop, organizzate da Frigoriferi Milanesi per tenere alta la bandiera dell’arte in occasione della Settimana della Comunicazione 2012. In altre parole, i Frigodays. È questo il nome scelto dal centro d’arte milanese per il proprio calendario di iniziative presentate fino al 7 ottobre, che prevedono anche la collettiva Fight – Specific Isola, a cura di Isola Art Center, che vede coinvolti fra gli altri Daria Carmi, Maddalena Fragnito, Marco Scotini, Mirko Smerdel, Bert Theis, Elvira Vannini, con una performance musicale di Steve Piccolo e Gak Sato.
Tutto da gustare – letteralmente – il progetto Midnight Spaghetti Screening: spaghettate notturne organizzate dal curatore Valerio Del Baglivo nel contesto casalingo dell’appartamento di Fare presso i Frigoriferi Milanesi, con proiezioni di lavori di artisti come Angela Marzullo, Alessandra Messali e Giulio Squillacciotti.

Inaugurazione: martedì 2 ottobre 2012 – ore 19.00
Via Piranesi 10 – Milano
www.frigoriferimilanesi.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.