Scarpe e mattoncini colorati. A Firenze, in occasione della Vogue Fashion Night Out, arriva anche la “Lego Art” di Finn Stone

Lui si chiama Finn Stone, ed è un artista londinese salito recentemente alla ribalta per le sue divertenti creazioni realizzate con coloratissimi mattoncini Lego. Stone è sbarcato a Firenze in questi giorni, protagonista di una mostra-performance organizzata il 18 settembre in occasione dell’inaugurazione del nuovo Paragon Store. L’evento, che fa parte del ricco programma della […]

Finn Stone - Lego stilettos

Lui si chiama Finn Stone, ed è un artista londinese salito recentemente alla ribalta per le sue divertenti creazioni realizzate con coloratissimi mattoncini Lego. Stone è sbarcato a Firenze in questi giorni, protagonista di una mostra-performance organizzata il 18 settembre in occasione dell’inaugurazione del nuovo Paragon Store. L’evento, che fa parte del ricco programma della Vogue Fashion Night Out, si compone di una mostra di lavori già realizzati (sculture in mattoncini Lego di oggetti fashion come cappelli o stilettos) e di una performance live durante la quale l’artista produrrà un nuovo lavoro sotto gli occhi degli spettatori.
La “Lego Art”, così è stata battezzata questa nuova tendenza che spopola nei design e fashion blog del momento, è stata scelta da Artcrafts International – proprietaria dei negozi Paragon – per promuovere il lancio da parte del brand di calzature Crocs di una collezione realizzata su licenza Lego e caratterizzata dalla presenza dei mattoncini sulla nota scarpa in gomma.

– Valentina Tanni

LEGO ART IN TOWN (Bricks and Crocodiles)
Martedì 18 settembre 2012
Spazio Paragon
Via del Corso, 29/r – Firenze
www.paragonshop.it

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.