L’arte che si arrocca, a guardia del Mediterraneo. In Albania, al Castello di Porto Palermo. Da Beppe Calgaro a Cristian Chironi, per l’Art Kontakt Festival

Il deposito delle munizioni, la cambusa, i magazzini, le camerate, tutti spazi da reinventare e riutilizzare. E per raggiungerli, quaranta chilometri di stradine malmesse e a volte pericolose a nord di Saranda, in italiano nota anche come Santi Quaranta, e dal 1939 al 1944 denominata Porto Edda, in onore di Edda Ciano Mussolini. È qui, […]

Il castello di Ali Pasha Tepelena, detto di Porto Palermo

Il deposito delle munizioni, la cambusa, i magazzini, le camerate, tutti spazi da reinventare e riutilizzare. E per raggiungerli, quaranta chilometri di stradine malmesse e a volte pericolose a nord di Saranda, in italiano nota anche come Santi Quaranta, e dal 1939 al 1944 denominata Porto Edda, in onore di Edda Ciano Mussolini. È qui, in Albania, che sta il castello di Alì Pasha Tepelena, affacciato sullo stupendo mare di Porto Palermo: possente architettura triangolare occupata dai soldati italiani nella Seconda Guerra Mondiale. E oggi divenuto location per la seconda edizione di Art Kontakt Festival, che fino al 12 agosto propone il tema La crisi, il sistema e i cambiamenti per artisti albanesi e internazionali che lo indagano con pittura, fotografia, grafica, musica, video, design, performance. Nomi noti della scena locale, come Armand Lulaj, affiancati anche da molti italiani, da Beppe Calgaro a Marco Fantini, Cristian Chironi, Cecilia Tirelli. Fra gli invitati anche alcuni studenti di architettura, “per poter fornire idee innovative e visioni per un nuovo concetto delle ex-aree militari, com’è quella di Porto Palermo, per poter trasformare certe aree in zone d’arte e della cultura internazionale”.

www.artkontakt.al 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.