Niente vacanze per il Castello di Rivoli, che apparecchia una giornata speciale con Pistoletto per la Summer school. E lancia un network “didattico” con sua maestà il Louvre…

Le incertezze sul futuro assetto dirigenziale, dopo la partenza di Andrea Bellini alla volta di Ginevra, non sembrano rallentare in nessun modo le attività del Castello di Rivoli. Nell’ambito della Summer school, arriva ora – giovedì 12 luglio – un doppio appuntamento “green”, a cura del Dipartimento Educazione del museo in collaborazione con Milano Green […]

Le incertezze sul futuro assetto dirigenziale, dopo la partenza di Andrea Bellini alla volta di Ginevra, non sembrano rallentare in nessun modo le attività del Castello di Rivoli. Nell’ambito della Summer school, arriva ora – giovedì 12 luglio – un doppio appuntamento “green”, a cura del Dipartimento Educazione del museo in collaborazione con Milano Green Festival e Cittadellarte Fondazione Pistoletto.
Si parte alle 16 con il workshop-evento Terzo Paradiso, aperto al pubblico nell’atrio del Castello, mentre alle ore 18.30 è in programma una conversazione con Michelangelo Pistoletto, presenti Eliana Farotto di Comieco, Cristina Rapisarda Sassoon di Milano Green Festival, Enza Dedali dell’Associazione Pigna Mon Amour di Sanremo ed Anna Pironti del Dipartimento Educazione di Rivoli.
Ma la notizia più notevole sarà solo annunciata: si tratta del nuovo network internazionale che per la prima volta riunisce i Dipartimenti Educazione del Castello di Rivoli e del Louvre per l’anno 2012-2013, che si concretizzerà in una inedita progettazione condivisa italo-francese, a partire dalle giornate di formazione per insegnanti al Castello di Rivoli dal 14 al 17 settembre.

  • dust

    uh Pistoletto! uh, il Terzo Paradiso! una ventata di freschezza in questo torrido luglio!

  • Pistoletto con il suo Terzo Paradiso ( e i fondi che succhia a Unicredit per residenti su cui NON si reinveste) è assimilabile a Scientology o a certe derive concettuali non lontane dal sale di Wanna Marchi. Su You Tube la sua definizione di Terzo Paradiso(???!!!) corrisponde a quello che lui definisce come secondo…ma lasciamo stare queste derive da santone.

    Il sistema ha bisogno di “grandi vecchi maestri” per avere contenuti standard e per giustificare contenitori e finanziamenti a chi lavora in questi contenitori. Sintomatica fu la retrospettiva di Pistoletto al Maxxi nel 2011: mostra forzata in un museo che vuole ostinatamente e forzatamente essere “moderno”. Il vero dato è il vuoto di contenuti.

    Pistoletto oltre all’intuizione del cubo di infinito non ha fatto altro. Diciamolo. Nella vicina Francia facevano le stesse cose (e meglio) almeno 20-30 anni prima di Pistoletto (mi riferisco agli happening sessantottini e alle opere dadaiste ma in ritardo). L’intuizione dello specchio rimane ma formalizzata in modi che sono anacronistici rispetto al presente.

    Molto meglio artisti come Anselmo che non hanno avuto l’idea opportunista (perchè ai residente non rimane nulla se non una breve vacanza grande fratello) di fare a fine anni 90 una fondazione per i GGGGiovani. Mentre ai giovani viene solo succhiata linfa che poi viene spesa dal grande maestro in tutto il mondo per talk, workshop e mostre inattese come quella alla Serpentaine, ecc ecc.

    LR

    • Anna Pironti

      Ieri al Castello di Rivoli c’era tantissima gente di tute le età è stata una vera festa dell’arte il resto sono solo chiacchere velenose e inutili

  • dust

    Anche alla Notte Bianca di Busto Arsizio c’era tantissima gggente di tutte le età che si divertiva. Era una festa dell’arte anche quella?

    • Anna Pironti

      le persone al castello, presenti per l’iniziativa promossa nell’ambito della Summer School, progetto del Dipartimento Educazione realizzato grazie alla partecipazione delle gente (senza alcun finanziamento)hanno condiviso un’esperienza artistica nel segno del terzo paradiso e partecipato animatamente al dibattito promosso insieme al green festival di Milano e al consorzio COMIECO. In che modo tutto questo: Partecipazione, arte contemporanea, educazione,impegno, sostenibilità, può essere confrontato con una notte bianca????