Accesso free, ma con selezione. Saatchi on line mette un filtro ai suoi 60mila artisti emergenti. I 1000 più bravi? Li scelgono 100 curatori (di cui solo 3 italiani)

Si chiama “100 curatori in 100 giorni” ed è il nuovissimo progetto lanciato dalla piattaforma Saatchi online, il sito della famosa galleria inglese nato nel 2006, che funge da vetrina per artisti emergenti e che con questa operazione proporrà 1.000 nuovi artisti grazie al contributo di questo mega pool di curatori. Un’iniziativa pensata per dare […]

Alfredo Cramerotti
Alfredo Cramerotti

Si chiama “100 curatori in 100 giorni” ed è il nuovissimo progetto lanciato dalla piattaforma Saatchi online, il sito della famosa galleria inglese nato nel 2006, che funge da vetrina per artisti emergenti e che con questa operazione proporrà 1.000 nuovi artisti grazie al contributo di questo mega pool di curatori. Un’iniziativa pensata per dare maggiore visibilità ai giovani talenti, messi in rilievo dalla selezione oculata di esperti internazionali.
Ogni giorno, a partire dal 18 luglio, Saatchi Online rivelerà i 10 artisti individuati da un curatore tra i 60.000 presenti sul sito e inseriti tramite auto-candidatura: un’operazione di filtraggio, per arrivare a una sorta di best of. A scegliere i curatori ci ha pensato invece Rebecca Wilson, Direttrice della Galleria Saatchi di Londra e membro del Consiglio di Saatchi Online. Tutti nomi che rappresentano importanti musei e gallerie del mondo: da Carson Chan e Nadim Samman, co-curatori della Biennale di Marrakech 2012, a Eric C Shiner, direttore del The Andy Warhol Museum di Pittsburgh; da Daria de Beauvais, dell Palais de Tokyo, a John Zarobell dei MoMA di San Francisco; da Catherine Hug della Kunsthalle Vienna, a Tobia Bezzola della Kunsthaus di Zurigo.
Italiani? Tre: Alfredo Cramerotti, co-curatore di Manifesta 8, Marcella Beccaria del Castello di Rivoli, Alessandro Vincentelli dei BALTIC Centre for Contemporary Art di Gateshead.

– Martina Gambillara

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.
  • Meravigliosa iniziativa purchè ci sia veramente una forte selezione.
    A questa selezione è posibile pertecipare?
    Potete vedere i miei lavori sul mio sito ed altri.
    In attesa porgo distinti saluti.
    Giorgio Flis.

  • ciao

    quant’è bono cramerotti

  • Com’è possibile partecipare alla selezione?

    Grazie