La notte bianca dell’arte? È solo Art Night Venezia. Ca’ Foscari alla regia, tutta la città in marcia a cercare eventi, spettacoli, luoghi segreti

Seconda edizione, ma già una crescita esponenziale: per il numero delle sedi coinvolte, per la sempre maggiore mobilitazione di tutti gli studenti veneziani, protagonisti a tutto tondo dell’evento, per la scoperta di nuovi luoghi segreti dell’arte, ancora inesplorati e “liberati” per l’occasione, per la partecipazione delle librerie che apriranno i propri spazi durante l’iniziativa, per […]

Seconda edizione, ma già una crescita esponenziale: per il numero delle sedi coinvolte, per la sempre maggiore mobilitazione di tutti gli studenti veneziani, protagonisti a tutto tondo dell’evento, per la scoperta di nuovi luoghi segreti dell’arte, ancora inesplorati e “liberati” per l’occasione, per la partecipazione delle librerie che apriranno i propri spazi durante l’iniziativa, per il potenziamento dei social network quale canale di divulgazione e partecipazione.
È diventato presto un “caso”, quello dell’Art Night a Venezia, che – complice probabilmente l’unicità della città – si è distanziata sideralmente dalle miriadi di altre notti bianche che popolano la penisola. Altro motivo di unicità? Il format è ideato dall’Università Ca’ Foscari, che anche quest’anno farà da cabina di regia, promotore e coordinatore, curando la direzione artistica dell’evento in stretta collaborazione e partnership con il Comune di Venezia. Dal tramonto all’alba – 23 giugno -, non si contano gli aventi in programma, per cui vi rimandiamo al link allegato: basterà ricordare la François Pinault Foundation con Punta della Dogana e Palazzo Grassi, con il progetto Real Time Polaroid a cura di OHT (Office for Human Theatre) di Rovereto, una proiezione sulla facciata del palazzo di foto scattate all’interno degli spazi, che intratterranno il pubblico anche al di fuori della sede espositiva, mentre le immagini saranno inviate in contemporanea anche sul sito di Artnight Venezia.
La Fondazione Bevilacqua La Masa partecipa con Acqua&Menta e Acqua&Limone, un programma ricco di eventi, performance e installazioni a partire dalle 18.30 fino alle 22.30, e – nella Galleria di Piazza San Marco – il nuovo progetto espositivo, Prêt-à-livret, una passerella fuori porta, a cura di Alvise Bittente e Elena Mocchetti.

www.unive.it/artnightvenezia