Dalle crepe nascono i fior. Aperto causa sisma: a Ferrara i danni ispirano l’opera dell’artista Stefano Scheda. Che la mette all’asta a favore terremotati

“Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”. Passa per la testa, il collegamento alla celebre Via del campo di Fabrizio De Andrè, seguendo questa vicenda: anche se qui non ci sono metafore, ed i fiori nascono, sì, ma su un supporto molto concreto, come le pareti crepate di una galleria. Ovvero della […]

Intra, l’opera di Stefano Scheda messa all’asta a favore dei terremotati

Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”. Passa per la testa, il collegamento alla celebre Via del campo di Fabrizio De Andrè, seguendo questa vicenda: anche se qui non ci sono metafore, ed i fiori nascono, sì, ma su un supporto molto concreto, come le pareti crepate di una galleria.
Ovvero della MLB home gallery di Ferrara, i cui spazi sono rimasti lesionati dalla lunga sequela di scosse di terremoto che ormai da settimane tormenta l’Emilia. Mentre la galleria di Maria Livia Brunelli si apprestava ad inaugurare la mostra Masuyama e Scheda: Sorolla’s gardens, curata da Peter Weiermair ed ispirata – con opere di Hiroyuki Masuyama e Stefano Scheda – dalla grande mostra di Joaquín Sorolla al Palazzo dei Diamanti.
Che fare? Rimandare il tutto? Nemmeno per idea, occorre dare un segnale di continuità, chi si ferma è perduto. Ed ecco che la rappresentazione plastica del dramma, le crepe alle pareti della galleria, diventano il terreno di coltura per la simbolica ripartenza. In una lunga crepa l’artista e fotografo concettuale Stefano Scheda ha innestato dei piccoli rami pieni di gemme, “come gesto apotropaico per la casa e il territorio”. E lo stesso Scheda metterà all’asta una fotografia a favore dei terremotati di San Carlo, uno dei paesi vicini a Ferrara più colpiti dal sisma…

Per info: 3467953757 – [email protected]

La crepa gemmata da Scheda


  • giuseppe

    Interessante.