Archivista fai-da-te. Arriva Myk Art, l’app per iPhone e iPad utile a schedare le opere della propria collezione. Comodissima, molto smart e tutta italiana

Fanatici d’arte, collezionisti puntuali, ma anche pazzi per le diavolerie tecnologiche che invadono il mercato? Se rispondete a questo profilo, e siete pure particolarmente metodici e amanti dell’ordine, c’è in arrivo, in zona Apple, qualcosa che non vi potete perdere. Si chiama Myk Art, che sta per Mykollektion, ed è la prima app al mondo […]

Myk Art, app per iPhone/iPad

Fanatici d’arte, collezionisti puntuali, ma anche pazzi per le diavolerie tecnologiche che invadono il mercato? Se rispondete a questo profilo, e siete pure particolarmente metodici e amanti dell’ordine, c’è in arrivo, in zona Apple, qualcosa che non vi potete perdere. Si chiama Myk Art, che sta per Mykollektion, ed è la prima app al mondo dedicata al collezionismo e alla catalogazione di opere d’arte, pensata anche per rimediare all’assenza di un apposito software, per utenti pc o mac. Un’invenzione totalmente made in Italy, dal momento che i tre tecnofili cimentatisi nell’esperimento rispondono al nome di: Fabio Dodesini, Roberto Marini e Luca Mauri. La trovate già nell’App Store, al costo di 4,99 euro, e vi consente, sfruttando la camera digitale del vostro iPhone o iPad, di immortalare e conservare, secondo criteri da perfetto archivista, tutte le opere che avete in collezione.

Da sinistra: Roberto Marini, Fabio Dodesini e Luca Mauri

Senza bisogno di un consulente apposito, sarà semplicissimo catalogare, schedare e gestire al meglio il vostro piccolo-grande tesoro, disponendo anche di una serie di opzioni utilissime: dall’accesso protetto tramite password, alla possibilità di inserire più foto per scheda; dalla sezione dedicata alle “Informazioni Private”, a quella in cui visualizzare l’ammontare del valore della propria collezione e del capitale investito. E poi l’irrinunciabile aspetto “social”: ogni opera può essere istantaneamente condivisa via mail, mentre le schede ricevute da altri amici che utilizzano l’app si possono mettere in libreria ed etichettare, per eventuali operazioni di acquisto o di scambio.
Ottimo strumento, a cui suggeriamo di apportare un miglioramento: alle cinque categorie per l’archiviazione – “Quadri”, “Sculture”, “Fotografie”, “Serigrafie”, “Libri d’artista” – perché non aggiungerne anche di più attuali? Installazione, Video, Sound art, Street art, Grapghic design… Il collezionista innamorato del contemporaneo gradirebbe e ringrazierebbe.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Pingback: Archivista fai-da-te. Arriva Myk Art, l'app per iPhone e iPad utile a ... | E-learning arts | Scoop.it()

  • Fabio

    Innanzitutto grazie per il vostro simpatico ed effervescente articolo che ci avete dedicato.
    Approfitto anche per rispondere alla vostra doamnda finale.
    Video e sound Art: due campi effettivamente da riempire ma che abbiamo voluto per il momento non inserire poichè difficili da inserire nello smartphone.. ma contiamo di farlo in futuro e quando lo faremo avveràà come semplice aggiornamento: per cui che si cominci dalle 5 categorie più in voga! :-D

    Detto questo, faremo tesoro di altre osservazioni perchè ci si può sempre migliorare!
    Grazie a tutti!
    Fabio
    http://www.mykollektion.com/it

  • Sabina

    Mi sembra un bel prodotto e soprattutto W il made in Italy.
    Ma senza fare critica….non si tratta di archiviare ma di collezionare. I “criteri da perfetto archivista” non si applicano alle collezioni ma agli archivi, che si occupano di documenti (cartacei ed informatici) e che sono per loro natura completamente diversi dalle altre raccolte!!!
    Una precisazione doverosa visto il titolo.