Combat Prize 2012. Un esercito di finalisti, per la terza edizione del premio più agguerrito d’Italia. Settanta in short list, tra pittori, grafici e fotografi. E intanto a Livorno si prepara una grande collettiva

Il nome deriva dai così detti “combat film”, filmati realizzati da cineoperatori militari USA durante i combattimenti della Seconda Guerra Mondiale. Veri e propri documentari in presa diretta, che avevano lo scopo di mostrare alla popolazione americana gli orrori della guerra. E gioca proprio con questo crudo riferimento il Premio Combat, tutto dedicato alle arti […]

Villa Mimbelli, a Livorno

Il nome deriva dai così detti “combat film”, filmati realizzati da cineoperatori militari USA durante i combattimenti della Seconda Guerra Mondiale. Veri e propri documentari in presa diretta, che avevano lo scopo di mostrare alla popolazione americana gli orrori della guerra.
E gioca proprio con questo crudo riferimento il Premio Combat, tutto dedicato alle arti visive e alla scena più attuale: l’immagine di riferimento è quella di una discesa in campo, un impegno in prima linea per individuare percorsi significativi all’interno del panorama artistico internazionale, provando a documentare le evoluzioni dei linguaggi contemporanei. Una battaglia non cruenta, ma sicuramente testarda e appassionata.
Settanta sono i nomi selezionati dalla giuria di esperti (Francesca Baboni, Laura Barreca, Martina Cavallarin, Giuseppe Donnaloia, Heinrich Heil, Stefano Taddei) per questa terza edizione: presenti sul catalogo della manifestazione, i finalisti esporranno poi al Museo Civico G. Fattori ex Granai di Villa Mimbelli di Livorno, dal 22 al 30 giugno. In occasione dell’opening saranno assegnati i premi per le tre categorie. Nel link in calce l’elenco dei fortunati…

– Helga Marsala

www.premiocombat.it/finalisti

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • ares

    Esperti ? dove ?