Dopo Perugino e Pintoricchio, Luca Signorelli. A Perugia la grande mostra che completa il tris dedicato ai grandi del Rinascimento, ecco le immagini dell’opening

Oltre cento opere, di cui 66 del pittore cortonese, definito da Giovanni Santi, il padre di Raffaello, artista “de ingegno et spirto pelegrino”. Dopo Perugino e Pintoricchio, l’impeccabile indagine sui grandi maestri del Rinascimento e sul loro ruolo e rapporto con l’Umbria condotta da qualche anno dalla Galleria Nazionale dell’Umbria giunge a focalizzare Luca Signorelli, […]

Oltre cento opere, di cui 66 del pittore cortonese, definito da Giovanni Santi, il padre di Raffaello, artista “de ingegno et spirto pelegrino”. Dopo Perugino e Pintoricchio, l’impeccabile indagine sui grandi maestri del Rinascimento e sul loro ruolo e rapporto con l’Umbria condotta da qualche anno dalla Galleria Nazionale dell’Umbria giunge a focalizzare Luca Signorelli, lungamente attivo in Italia centrale dal 1470 al 1523.
Curata da Fabio De Chirico, Vittoria Garibaldi, Tom Henry e Francesco Federico Mancini, la mostra – prima grande monografica dal lontano 1953 – si articola in tre sedi espositive: oltre a Perugia, a Orvieto nel Duomo, nel Museo dell’Opera e nella chiesa dei Santi Apostoli, e a Città di Castello nella Pinacoteca Comunale. Imponenti i mezzi messi in campo per l’evento, che si protrarrà fino al prossimo 26 agosto: promossa dalla Regione Umbria e dal Ministero per i Beni Culturali, con il coinvolgimento di tutti gli enti locali e diverse fondazioni, un budget complessivo di circa 2 milioni di euro, circa 200mila visitatori attesi. Siamo andati all’inaugurazione della sede principale, eccovi un po’ di immagini in anteprima…

– Massimo Mattioli

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.