Lei si chiama Maria Apetri, in arte Fallulah, 30 anni, origini rumene e nazionalità danese. Uno di quei talenti musicali spuntati negli anni dieci, con quell’appeal tipicamente nordico fatto di sonorità morbide e insieme algide, sensuali e ludiche, sempre con un profilo allegramente chic. Fallulah, due album all’attivo, confeziona con grazia la sua mistura di indie, memorie balcaniche, soul e spezie synth-pop, con un freschezza tutta sua che l’ha condotta al volo in testa alle classifiche danesi.

Il suo ultimo album, “Escapism”, risale al 2013. Ma il video ufficiale dell’ottava traccia, Dragon, è arrivato solo lo scorso maggio. Esplosivo il pezzo, una cavalcata dance-folk in cui si mescolano incursioni di piano, suoni squillanti, percussioni incalzanti e vocalizzi energici. In perfetta sintonia il video, firmato dall’ottimo Fabricio Lima, regista e graphic designer brasiliano, con base a San Paolo, che al servizio della melodia ma messo la sua tavolozza fluo ed il suo tratto sintetico, da illustratore talentuoso. La danza che accompagna il brano è tutto uno scorrere di segni tribali, pattern geometrici, luci strobo, simbolismi in mutazione, tra piccole chiavi rubate al ritornello (“Who’s got the key to your heart? Who’s got the key?”) e una silhouette femminile che ritorna: il ritratto di lei, in versione cartoon. Ossessione notturna, tra fiamme, dragoni e spiriti bollenti.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.