Romeno è Giulietta: Verona cambia musica

Studio la Città, Verona – fino al 24 aprile 2015. In “Red Verona” Eugenio Tibaldi accosta e rivisita brand e stereotipi del comune scaligero. Indaga specificità e contraddizioni del territorio, ridisegnando la città e riscrivendone persino la colonna sonora.

Eugenio Tibaldi – Red Verona - veduta della mostra presso Studio La Città, Verona 2015
Eugenio Tibaldi – Red Verona - veduta della mostra presso Studio La Città, Verona 2015

Eugenio Tibaldi (Alba, 1977; vive a Napoli) riporta la sua esperienza di Verona, frutto di un lungo percorso di avvicinamento: escursioni, conversazioni, collaborazioni con enti, associazioni e aziende locali. E attraverso Verona, divenuta “archetipo e “scenografia inconsapevole”, ci apre la sua visione socio-economica di questa parte di Occidente. Una sorta di mappa mentale, innescata dalle Geografie economiche e dipanata nei trenta metri di Landscape Verona, mostra una città come intelaiatura, rete di connessioni in cui ogni punto è collegato e risente di tutti gli altri.

Edifici in degrado o in disuso sconfinano nel centro storico monumentale e commerciale, creando inedite interazioni e apparentamenti, restituendo quella complessità del tessuto urbano con cui molti cittadini, anche tra coloro che ne hanno conoscenza consapevole o latente, hanno smesso di confrontarsi. Con l’intento non solo di denuncia, ma di riapertura di “nuove possibilità di esistere”.

Roberta Morgante

Verona// fino al 24 aprile 2015
Eugenio Tibaldi – Red Verona
a cura di Adele Cappelli
STUDIO LA CITTÀ
Lungadige Galtarossa 21
045 597549
lacitta@studiolacitta.it
www.studiolacitta.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42282/herbert-hamak-eugenio-tibaldi/

CONDIVIDI
Roberta Morgante
Roberta Morgante è curatrice e operatrice culturale indipendente. Si è laureata in filosofia all'Università di Verona, dove vive. Ha collaborato con enti e associazioni culturali, per i quali ha realizzato esposizioni, festival, spettacoli, cicli di incontri e conferenze, dedicandosi prevalentemente a progetti su suolo e in spazi pubblici, nonché all'ideazione di percorsi di avvicinamento e partecipazione attiva di pubblici trasversali alle forme espressive artistiche contemporanee.