Faenza incontra la Corea del Sud. Nelle ceramiche di Alessandro Neretti

Artcore, Bari – fino al 28 febbraio 2015. Faenza e Corea del Sud unite in ceramiche scultoree che miscelano primo Novecento e attualità più stretta. In un allestimento essenziale, per la nuova serie di opere di Alessandro Neretti.

Nero - Love and Loneliness - veduta della mostra presso Artcore, Bari 2015
Nero - Love and Loneliness - veduta della mostra presso Artcore, Bari 2015

Nell’epoca dei social network, quando la comunicazione è globalizzata e la manipolazione in chiave ludica delle opere d’arte diviene un vero successo mediatico, ben si inserisce la ricerca di Alessandro Neretti (Faenza, 1980), il quale, dopo un periodo di residenza in Corea del Sud, presenta un nuovo ciclo di opere dal titolo Love and loneliness.
In un’alternanza di sculture e bassorilievi in terracotta smaltata, Neretti lavora l’orientale Celadon e lo combina con lo stile della produzione faentina, forgiando figure dai tratti moderni, risalenti all’inizio del Novecento, a cui aggiunge frasi irriverenti e legate alla modernità. Le figure classicamente intese prendono una nuova vita: raccontano di povertà, fanatismo ed emarginazione sociale, sottolineate dall‘allestimento essenziale, con basi di pietra irregolare e aste lignee che sorreggono i fragili busti, ricordando le gipsoteche di una volta – di cui a Bari vi è un esempio nelle sale del Castello Normanno Svevo – ma, proprio per il carattere contemporaneo di cui sono intrise, trapassano la linea dello spazio e del tempo, creando un linguaggio che abbraccia, Oriente e Occidente, presente e passato.

Isabella Battista

Bari // fino al 28 febbraio 2015
Nero – Love and Loneliness
a cura di Mara Nitti e Roberta Fiorito
testo critico di Christian Caliandro
ARTCORE
Via De Giosa 48
347 6574411 / 340 7225237
[email protected]
www.artcore.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/41567/nero-love-and-loneliness/

CONDIVIDI
Isabella Battista
Classe 1985, Isabella Battista vive a Bari. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari, è giornalista pubblicista dal 2013. Con una forte propensione alla didattica museale e artistica, ha collaborato con diverse istituzioni con progetti per sensibilizzare il pubblico più giovane nei confronti dell’arte contemporanea e far partecipare attivamente gli studenti alla comprensione delle più moderne tecniche artistiche. Dal 2011 è membro delle redazioni di Puglia In e Artsob, mentre nel 2013 è stata coordinatrice della prima edizione della Project Room della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a mare. Ama l’arte in tutte le sue forme, in particolare la fotografia e il linguaggio visivo contemporaneo a cui si sta appassionando anche praticamente e, appena ha l’occasione di partire, va alla ricerca di nuove realtà, esplorandole sia dal punto di vista culturale che artistico.