Il paesaggio secondo Annie Lapin. Da Annarumma a Napoli

Annarumma Gallery, Napoli – fino al 15 dicembre 2014. La galleria partenopea ospita i lavori inediti dell’americana Annie Lapin. Dove la pittura non si limita all’atto del vedere, ma compie una sintesi spaziale che va oltre il paesaggio e la rappresentazione.

La personale di Annie Lapin (Washington, 1978; vive a Los Angeles) presenta opere inedite che costituiscono un ulteriore avanzamento delle sue ricerche rispetto alla precedente produzione intorno al tema del paesaggio. Difatti, a partire dal confronto con la tradizione artistica, l’autrice conduce una nuova indagine sul linguaggio pittorico, giungendo a soluzioni spaziali che riflettono il suo particolare modo di concepire la visione: la costruzione del campo figurativo diventa nelle sue opere un’operazione mentale, come in Shafts of light, Pillars and soot e Fog, e si realizza mediante la sovrapposizione di più livelli di colore, dove la pittura emerge dal fondo determinando diverse profondità, corrispettive ad altrettanti diversi stati di coscienza, e alludendo a interiori orizzonti prospettici. Infine la presenza evanescente della figura umana, come in Person, che compare a intermittenza nel tessuto cromatico, apre la strada a riflessioni e sperimentazioni oltre la rappresentazione.

Rosa Esmeralda Partucci

Napoli // fino al 15 dicembre 2014
Annie Lapin – See?
ANNARUMMA
Via Carlo Poerio 98
081 0322317
[email protected]
www.annarumma.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/39998/annie-lapin-see/

 

CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.