Tre piani di ironia concettuale. David Lamelas da Lia Rumma

Galleria Lia Rumma, Milano – fino al 24 maggio 2014. Un pioniere della Conceptual Art consacrato da Lia Rumma. E così David Lamelas si presta alla musealizzazione, non senza lievi tocchi di ironica.

David Lamelas, Signaling of three objects, 2014

I tre livelli della galleria di via Stilicone per esplorare i tre livelli della ricerca di David Lamelas (Buenos Aires, 1946; vive a Londra), pioniere della Conceptual Art: linguaggio, spazio e tempo. Lia Rumma conferma la sua vocazione “museale” a rappresentare artisti già consacrati con mostre di algida bellezza, ma allo stesso tempo lascia all’artista, non senza ironia, la libertà di decostruire l’autorità della galleria con lavori site specific.
Groundfloor, il linguaggio: Lamelas ri-crea per Lia Rumma Signaling of three objects, tratteggio di lastre di marmo intorno a un acero, e consegna al visitatore l’incarico di attribuire identità ai tre oggetti del titolo: albero, vaso e lastre “segnaletiche” oppure galleria, opera e visitatore, o ancora elemento naturale, minerale e animale? Gioco di categorie mentali. First Floor, lo spazio. Dos espacios modificados (premio per la scultura alla Biennale di San Paolo nel 1967) è una struttura in alluminio che esprime la relazione fra interno ed esterno contenendo tanto spazio cubico quanto la sua proiezione-tappeto sulla terrazza. Second Floor, il tempo. A differenza dello spazio, il tempo non esiste, ma è costruito dalla nostra coscienza: i film con piano sequenza unico e senza tagli della serie Time as activity ne spiegano lo svolgimento non come successione di momenti ma come durata continua, che assume un ritmo diverso nel trascorrere della vita urbana a Milano e Napoli.

Giulia Bombelli

Milano // fino al 24 maggio 2014
David Lamelas
LIA RUMMA
Via Stilicone 19
02 29000101
[email protected]
www.liarumma.it

CONDIVIDI
Giulia Bombelli
Giulia Bombelli (1985, Milano) collabora alla didattica museale del Fondo per l’Ambiente Italiano e della Fondazione Bagatti Valsecchi di Milano. E’ laureata in Storia e Critica dell’Arte all’Università degli Studi di Milano e specializzata in museologia dell’arte contemporanea, arte ambientale e laboratori sulla percezione. Lavora come redattore di Artribune e Orizzonte Universitario. Vive e lavora a Milano.
  • Nella mia ingenua ignoranza ho sinceramente trovato Lamelas abbastanza facile