Un mitologo tutt’altro che rasserenante. Nicola Verlato sbarca a Palermo

Veniero Project, Palermo – fino all’8 gennaio 2014. Da Los Angeles Nicola Verlato sceglie la boutique-gallery inaugurata nel capoluogo siciliano dal giovane imprenditore Giuseppe Veniero. Lavori dominati dalla totale incompatibilità tra il desiderio dell’uomo di riscattarsi e l’implacabile crudeltà del destino.

Nicola Verlato, The Gift, marmo di Carrara, bronzo e resina

Nessun tempo è stato così veloce nel costruire miti intellettuali come il nostro, che, volendo distruggere tutti i miti, ne crea esso stesso di nuovi”: Kierkegaard sembra riferirsi all’opera di Nicola Verlato (Verona, 1965; vive a Los Angeles), che presta al pubblico palermitano quattro opere esplosive. Come pala di una cappella troneggia Beauty of Failure, a cui fa da contraltare la scultura The Gift; entrambe manipolazioni del mito tradizionale reinterpretato nella realtà americana, che ne è stata del tutto priva. James Dean, allegoria di una civiltà sotto scacco, drammaticamente chiusa nel suo orgoglio narcisistico, sotto cui è possibile leggere lo spettro delle angosce e delle paure di cui è preda. Tela seducente Car Crush, popolata da moderne divinità olimpiche concentrate in una guerriglia armata. Corpi maledetti, vigorosi, le cui fibre muscolari parlano di un movimento bloccato in attimi appartenenti a una tragedia che ha perso l’epico respiro dell’eternità.

Giulia Amodeo

Palermo // fino all’8 gennaio 2014
Nicola Verlato
VENIERO PROJECT
Piazza Cassa di Risparmio 22
333 6066232
[email protected]
www.veniero.it

CONDIVIDI
Giulia Amodeo
Giulia Amodeo è nata a Palermo nel 1981. Nel 2004 consegue la laurea in Arte Moderna presso il Dams di Palermo con una tesi sulla lettura pittorica dei drammi shakespeariani pubblicata l’anno successivo. Dal 2006 al 2009 dirige la galleria di dipinti dell’ 800 Beatrice curandone esposizioni, redazione dei cataloghi e schede tecniche relative alle opere acquisite. Continua intanto la sua formazione completando tra il 2010 e il 2011 due master: Comunicazione dei Beni Culturali, Museali e del Territorio e Inglese tecnico per Art & Design. Dal 2005 a oggi approfondisce lo studio dell’arte contemporanea svolgendo da freelance attività di critica per testate multimediali e riviste del settore.