Cit ma bôn

Secondo ciclo per “Greater Torino”. Quando territorio fa rima con osservatorio. Ludovica Carbotta e Manuele Cerutti alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Greater Torino #2 - veduta della mostra presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino 2011

Ludovica Carbotta (Torino, 1982) e Manuele Cerutti (Torino, 1976) sono la seconda coppia di artisti di Greater Torino, la rassegna made in Fondazione Sandretto che propone “i più grandi” tra i giovani che operano sul territorio. Mezzi espressivi diversi – la pratica dell’installazione per Carbotta e la pittura per Cerutti – che insieme raccolgono segni e impronte, a volte presenti come aloni, depositati durante la creazione. Le opere fanno riferimento a una grammatica plastica e visiva che, composta da codici e regole, ridefinisce costantemente il mezzo scelto. Mentre Carbotta “mette in scena”, secondo una visione scenotecnica teatrale, dispositivi, marchingegni e sagome in cartone – che in questo caso disegnano il vuoto stradale che raccorda due palazzi in città –, Cerutti dà vita a raffinate narrazioni in cui, tra sovrapposizioni di gesti e ripensamenti pittorici, compare la figura del riguardante.

Claudio Cravero

Torino // fino all’8 maggio 2011
Greater Torino #2
a cura di Irene Calderoni e Maria Teresa Roberto
www.fondsrr.org

CONDIVIDI
Claudio Cravero
Claudio Cravero (1977, Torino). Curatore indipendente, la sua ricerca è rivolta a tematiche inerenti i concetti di alterità, confine e memoria. Svolge attività curatoriale presso il PAV-Centro Sperimentale d’Arte Contemporanea di Torino (www.parcoartevivente.it). Nell’ambito dell’Art program diretto da Piero Gilardi, la sua ricerca indaga le problematiche artistiche proprie dell’arte del vivente e dell’evoluzione dell’arte ambientale. Ha condotto ricerche per il dipartimento di Visual Arts dell’Istituto di Cultura Italiana di New York, USA (2004), il Castello di Rivoli-Museo d’Arte Contemporanea (istituzione con la quale ha collaborato fino al 2006 nelle Relazione esterne), e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino nell’ambito del progetto di mediazione culturale coordinato da Emanuela De Cecco (2002/03). Oltre ad aver seguito l’attività redazionale per il progetto “Arte Pubblica e Monumenti” di OfficinaCittàTorino, 2007/08, è collaboratore di Artribune.
  • Gabriele

    Bellissimi lavori Manuele, complimenti!

  • Cerruti è veramente credibile, merita di più; , molto più difficile la strada della Carbotta. A volte la pittura è l’unica via.