In tour nella Padania classica

Per alcuni la Padania è un territorio politico che comprende le regioni del nord Italia, per altri la Padania non esiste. Per Filippo Minelli invece il termine Padania identifica un vasto paesaggio accomunato da un’estetica riconoscibile e condivisa. Un’estetica che non ha regole stilistiche definite, ma che risulta comunque palese ai suoi occhi.

Filippo Minelli, Visit Padania
Filippo Minelli, Visit Padania

Mosso da un’attitudine da antropologo culturale, Filippo Minelli ha fotografato nel tempo questo paesaggio tralasciando i centri storici e concentrandosi sul patrimonio paesaggistico contemporaneo. Ne è nato un archivio che documenta una vasta regione in cui le zone abitate si innestano sulle ampie zone industriali di periferia caratterizzate da infinite distese di capannoni e collocate a loro volta nel mezzo di un grande territorio agricolo ormai scarsamente coltivato. Un’infinita zona grigia, figlia di una pianificazione urbanistica inesistente e della progettazione di geometri miopi o fin troppo fantasiosi, fautori di un gusto estetico peculiare che abbina sensazionalismo, provincialismo e slanci di grandezza.
Quale occasione migliore per visitare questi luoghi se non durante Expo 2015? Per l’occasione Minelli ha lanciato Visit Padania, agenzia online che offre un ampio ventaglio di proposte per tour tematici alla scoperta delle caratteristiche della regione. Con l’esplicita ambizione di diventare il primo punto di approdo per chiunque intenda cercare sistemazione durante Expo, il sito si presenta in lingua inglese con traduzioni in italiano, russo, cinese e arabo.

Filippo Minelli, Visit Padania
Filippo Minelli, Visit Padania

In esso si fa uso di un linguaggio che ironicamente storpia l’attitudine padana all’utilizzo di un gergo aziendalistico condito da vocaboli di marketing, che vorrebbe essere internazionale ma che tradisce un’inconfondibile matrice provinciale.
Se state programmando una visita a Expo 2015, che siate manager in viaggio d’affari, famiglie o scolaresche, non perdetevi questa occasione per scoprire le perle della Regione divenuta Macro.

 

Matteo Cremonesi

www.visitpadania.com

 

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #19

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

 

 

CONDIVIDI
Matteo Cremonesi
Matteo Cremonesi (Brescia, 1984) si occupa di arte e nuovi media, interessandosi in particolar modo delle implicazioni sociali e politiche che le nuove tecnologie producono nel mondo contemporaneo. E' docente di “Cibernetica e teorie dell'informazione” presso l'Accademia di Brera e collabora attivamente con il Link Center For the Arts of the Information Age in qualità di coordinatore del settore educativo. E' membro del collettivo artistico IOCOSE con il quale ha presentato i propri lavori in diverse sedi nazionali e internazionali. Nato nel 2006, il gruppo organizza azioni liminali volte a sovvertire le ideologie, le pratiche e i processi di identificazione e costruzione del significato, concependo le strade, Internet e il passaparola come terreni di battaglia.