Pantone dedica un colore a Prince. La nuova sfumatura di viola si chiama Love Symbol #2

Un omaggio al musicista americano in forma di colore personalizzato. Il Pantone Color Institute collabora con la fondazione di Prince alla realizzazione di una tinta custom. Si chiama Love Symbol #2.

Prince
Prince

Il colore viola è stato per Prince molto più di un simbolo, era la sua seconda pelle. Un segnale di regalità – è da sempre il colore dei regnanti – ma anche la tonalità della fantasia, del tormento e della malinconia. Per rendere omaggio al grande musicista americano, scomparso nel 2016 a causa di un’overdose di medicinali, il Pantone Color Institute, autorità assoluta in fatto di questioni cromatiche, ha rilasciato una particolare sfumatura di viola a lui intitolata. Il nuovo colore custom si chiama Love Symbol #2 (il riferimento è al famoso logo di Prince che unisce maschile e femminile) ed è stato realizzato ispirandosi alla tinta del pianoforte Yamaha che il musicista si era fatto costruire e che avrebbe dovuto girare il mondo con lui.

Prince Pantone custom color
Prince Pantone custom color

UN OMAGGIO CROMATICO AL GENIO DI MINNEAPOLIS

L’annuncio di questo importante omaggio segue di pochi mesi la pubblicazione dell’edizione deluxe rimasterizzata dell’album Purple Rain (1984), che include canzoni leggendarie come Let’s Go Crazy e When Doves Cry, oltre naturalmente alla celeberrima title track. Con oltre 100 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, un Academy Award, un Golden Globe e ben sette Grammy, Prince si posiziona tra gli artisti di maggior successo al mondo. Ma aldilà dei numeri, la sua influenza sulle generazioni più giovani è stata vastissima, non solo nel funk ma anche nel pop e nel R&B.

LA COLLABORAZIONE CON THE PRINCE ESTATE

“Siamo onorati di aver lavorato allo sviluppo di Love Symbol #2”, ha dichiarato Laurie Pressman, vicepresidente del Pantone Institute, “Prince è un’icona musicale che si è distinta per la sua genialità artistica e questo colore è emblematico del suo stile”. Troy Carter, che rappresenta invece gli interessi di The Prince Estate, la fondazione intitolata al cantante che co-firma l’iniziativa, ha aggiunto: “Il colore viola è sinonimo di Prince e lo sarà per sempre. Questo è un modo eccezionale di fare in modo che la sua eredità viva per sempre”.  Non è la prima volta che Pantone crea una tinta custom dedicata a una persona: sono detentori di un colore personale anche il rapper Jay Z  (Jay Z Blue), la CEO del settore immobiliare Sherry Chris (Sherry Chris Pink – SC 2011) e lo stilista britannico Richard Nicoll (Nicoll Blue).

– Valentina Tanni

 

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.