90 milioni di dollari per un treno di design. Inaugurerà nel 2018 in Giappone e a disegnarlo è la archistar Kazujo Sejima dello Studio SANAA

Print pagePDF pageEmail page

japanese-express-train-seibu-group-kazuyo-sejima_dezeen_social
Anche il treno vuole il suo design. Kazujo Sejima, Premio Pritzker 2010 ha progettato un nuovo espresso per la società Seibu. Prima e unica donna al mondo ad aver diretto una Biennale di Architettura di Venezia, nel 2010, l’architetto giapponese ha firmato un importante progetto per la società nipponica attiva nell’ambito del trasporto, dell’edilizia residenziale, delle costruzioni e nel comparto turistico-alberghiero. Una commissione davvero sui generis quella che ha ricevuto la progettista autrice inoltre del New Museum nella Bowery di New York e che nel 2018 inaugurerà niente meno che un treno nella madre patria, il Giappone.
La stella rosa dello studio SANAA ha, quindi, sviluppato una proposta a partire dal territorio in cui il Limited Express train viaggerà, integrando il design della flotta con il contesto rurale e urbano che sarà interessato dal suo sfrecciare. Come uno specchio, la sua superficie sarà in grado di riflettere l’ambiente circostante raggiungendo una sorta di effetto mimetico, mentre gli spazi interni punteranno sul comfort e il relax, nella logica razionale e tradizionale del mezzo.  

I DESIGNER DEI TRENI
Bisogna attendere fino al 2018 per provarlo, per un viaggio davvero a cinque stelle: il progetto è costato infatti alla Seibu ben 90 milioni di dollari.
La Seijima non è il primo architetto o designer a essersi confrontato con un oggetto così complesso. La storia del “genere” vanta molti altri esempi influenti. Tra i più recenti c’è senz’altro le macchine entrate in uso alla fine del 2015 sotto il nome Eurostar E320. Prodotti da Siemens e progettati da Pininfarina sono i convogli che viaggiano sulla Londra-Parigi e sotto la Manica.  Gli interni del treno Alstom battezzato nel 2011 e utilizzato dal servizio di nuovo trasporto privato NTV sono stati invece progettati da Giugiaro Design, mentre gli spazi relax anche noti come Casa Italo sono stati firmati dallo studio di Stefano Boeri.

-Santa Nastro

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community