Milano chiama mondo. Peep-Hole lancia Arthuro, piattaforma on line che raccoglie spazi per l’arte istituzionali ed internazionali. Con un calendario di eventi

Print pagePDF pageEmail page

Arthuro

Peep-Hole, spazio non profit milanese tra i più longevi e attivi in Italia, con un marcato profilo internazionale ed istituzionale, s’inventa un nuovo strumento al servizio dell’art system. Si chiama Arthuro ed è una guida e un global planner on line, attraverso cui raccogliere e veicolare la programmazione culturale e didattica di spazi pubblici nel mondo. Musei, fondazioni, centri d’arte contemporanea convivono su un sito web dalla grafica asciutta, elegante, assolutamente basic. Poche e mirate le sezioni: le categorie di eventi, le città, i profili delle istituzioni, il calendario e il form per iscriversi e caricare i propri dati/appuntamenti.
La piattaforma facilita l’accesso a spazi e programmi, e punta a diventare un riferimento virtuale per chi viaggia, si informa, lavora nel campo dell’arte e della cultura. Un centinaio, ad oggi, le istituzioni che hanno aderito, tra cui Art in General di New York, CAG Vancouver, Documenta 14 di Atene / Kassel, Fondazione Prada Milano / Venezia, Fridericianum di Kassel, Hangar Bicocca di Milano, Kölnischer Kunstverein di Colonia, la Kunsthalle di Basel, la Kunsthalle di Vienna, il MAXXI di Roma, NTU – Centro di Arte Contemporanea di Singapore, lo Sculpture Center di New York, le Serpentine Galleries Londra, il Museo Serralves di Porto, il Swiss Institute di New York, il Witte de With di Rotterdam.
Peep-Hole è un progetto di Bruna Roccasalva e Vincenzo de Bellis – fondatori e direttori – affiancati da Anna Daneri nel ruolo di curatore aggiunto, da Stefania Scarpini, Project & Communication Manager, e da Francesca Spaini, Assistant Project Manager.

– Helga Marsala

www.arthuro.org

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community
  • mango

    Arturo ce l’ha sempre duro!