Il Museo Vincenzo Vela riapre al pubblico a Ligornetto, nel Canton Ticino. È una delle più importanti case d’artista dell’Ottocento europeo

Print pagePDF pageEmail page

Interno del Museo Vincenzo Vela

Ristrutturato interamente nel 2001 dall’architetto Mario Botta, il museo sta a Ligornetto, nel Canton Ticino, ai piedi del Monte San Giorgio (patrimonio Unesco per l’umanità), a 500 metri dal confine con l’Italia. Di che parliamo? Del Museo Vincenzo Vela, che ha da poco riaperto i battenti dopo lavori di miglioria effettuati nel corso del 2014, e già guarda a collaborazioni con istituzioni nazionali e internazionali di prestigio. ll Museo appartiene al novero delle più importanti case d’artista dell’Ottocento europeo: ideata dal grande scultore realista ticinese Vincenzo Vela (1820-91) all’apice della sua carriera e trasformata in museo pubblico dopo la sua donazione allo Stato elvetico, accanto alla gipsoteca monumentale di Vincenzo Vela, il museo conserva anche i lasciti dello scultore Lorenzo Vela (1812-97) e del pittore Spartaco Vela (1854-95), una notevole quadreria ottocentesca di pittura lombarda e piemontese, oltre a centinaia di disegni autografi e una delle più antiche collezioni fotografiche private svizzere. Notevole anche il parco del Museo, che combina il giardino formale italiano e quello paesaggistico inglese e ospita mostre di arte contemporanea. Ne vediamo qualche immagine…

www.museo-vela.ch

 

 

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community