Il Palazzo del Quirinale sarà aperto al pubblico dal 23 giugno. Visite guidate su prenotazione in programma per 5 giorni alla settimana

Print pagePDF pageEmail page

Palazzo del Quirinale, la Sala Gialla restaurata

Palazzo del Quirinale, la Sala Gialla restaurata

Non c’era solo la concomitanza con un importante turno di elezioni amministrative, fra le cose che hanno reso particolare la celebrazione del 2 giugno 2015. Era anche la prima Festa della Repubblica che vedeva al centro dell’attenzione un Palazzo del Quirinale aperto al pubblico: con qualcosa come 20mila visitatori ordinatamente in coda sotto gli occhi di un presidente Sergio Mattarella particolarmente in vena di esternazioni. E la più importante, slegata dalla contingenza politica, è stata proprio quella relativa all’apertura del Palazzo al pubblico: un tema apertosi con forza proprio nell’occasione della salita al Colle di Mattarella, e che anche Artribune ha seguito con interesse (dedicando alla questione anche un votatissimo sondaggio). Il percorso verso la progressiva apertura dello storico edificio e dei lussureggianti giardini sembra dunque ormai segnato, fin nei dettagli e la tempistica.
Il Quirinale diventa sempre più concretamente il palazzo degli italiani, in linea con le scelte dei miei predecessori”, ha dichiarato il Presidente ai giornalisti presenti. Indicando nel 23 giugno la data del giro di boa: quando cioè entrerà nel vivo il programma di visite guidate su prenotazione per 5 giorni alla settimana, dalle 9.30 alle 16, tranne il lunedì e il giovedì. “Due i percorsi”, precisa La Repubblica. “Uno più breve, circa un ora e mezzo, attraverso il piano nobile (costo della prenotatone 1,50 euro). Il percorso più lungo durerà invece due ore e mezzo (ticket di prenotazione 10 euro), e comprenderà anche la visita alla Vasella (le porcellane dei Savoia ), ai giardini, alle carrozze e ai finimenti”. Con il dettaglio non proprio secondario che le visite – se si escludono i ticket di prenotazione – saranno gratuite.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community