Arte tanto a metro cubo? No, grazie. Danh Vo in causa contro un collezionista olandese: consegnò un’opera più piccola del previsto. Il giudice dà (mezza) ragione all’artista

Print pagePDF pageEmail page

Una delle opere esposte da Danh Vo all'Aia

Una delle opere esposte da Danh Vo all’Aia

La mia arte? Non si vende tanto a metro cubo. È questo in sostanza il riassunto dell’annosa vicenda che vede contrapposto il giovane startist vietnamita/danese Danh Vo e il collezionista olandese Bert Kreuk. In occasione di una mostra della sua collezione allestita al Gemeentemuseum dell’Aia, Kreuk chiese a Vo una grande installazione che occupasse tutta una stanza. Ma l’artista, a detta del collezionista, inviò tre piccoli lavori, inadatti alla prestigiosa location.
Da qui la citazione davaanti al giudice: il quale in un primo momento ha accolto l’istanza, condannando Danh Vo al pagamento di 1,2 milioni dollari di danni. Ma una nuova pronunzia ha ora invertito l’esito della controversia: Kreuk dovrà pagare 350mila dollari, il prezzo inizialmente concordato per l’opera, che Vo dovrà consegnare – nelle misure stabilite – entro un anno. Ma l’artista ha già annunciato appello: è prassi comune per lui – sostiene – pensare opere anche piccole per essere collocate in spazi espositivi più grandi dell’installazione.

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community