Domenica al museo. Arriva il primo Educational Day dell’AMACI con tante attività educative in giro per i musei d’Italia

Print pagePDF pageEmail page

Botto & Bruno, Silent Walk, 2014

Botto & Bruno, Silent Walk, 2014

La rete dei musei AMACI lancia la prima edizione dell’Educational Day per domenica 19 aprile. Con l’obbiettivo e la responsabilità sociale di avvicinare e coinvolgere attivamente il grande pubblico, sempre un po’ intimidito e scoraggiato dalle pratiche artistiche di oggi, i dipartimenti educativi dei 26 musei che aderiscono all’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani hanno programmato un’intensa giornata di appuntamenti e attività formative gratuite e inclusive. Laboratori, workshop, conferenze, visite guidate, incontri con gli artisti, ma anche performance, happening, flash mob, percorsi speciali per non vedenti e nella lingua dei segni, seminari di approfondimento per operatori e insegnanti: la scelta è davvero ampia e diversificata, sia per la tipologia di attività che per il target al quale queste si rivolgono.
Al Castello di Rivoli, sono previsti una rassegna video sulla storia della televisione italiana e percorsi guidati per le famiglie attraverso la collezione del museo con le sue recenti acquisizioni. Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, invece, promuove la curiosa iniziativa #artevita: durante la giornata dell’Educational Day, per le strade e le piazze della città di Prato ci si potrà imbattere in operatori culturali incaricati di far passare l’idea che l’arte contemporanea non è inaccessibile, come comunemente si pensa. Al MAN di Nuoro, si potrà seguire un workshop di serigrafia, mentre al MAMbo di Bologna il pubblico potrà eccezionalmente scoprire il dietro le quinte del museo.
L’immagine scelta per questa prima edizione dell’Educational Day è Silent Walk degli artisti Botto & Bruno, attraverso cui l’AMACI veicola il messaggio che i musei sono – o almeno dovrebbero essere – luoghi collettivi dell’agire e del costruire.

Marta Pettinau

 http://www.amaci.org/

Prima di commentare, consulta le nostre norme per la community