Sta a Firenze l’unica scuola di arte sacra in Europa. E lancia un crowdfunding per l’arte emergente al servizio della Chiesa

Una campagna per la promozione di 25 artisti emergenti della Sacred Art School di Firenze, attraverso l’organizzazione di un workshop. Evento finale di una mostra presso il Museo dell’Opera del Duomo

Il Museo dell’Opera del Duomo di Firenze
Il Museo dell’Opera del Duomo di Firenze

A Firenze si trova l’unica scuola di arte sacra presente in Italia e in Europa: la Sacred Art School. Si tratta di una Scuola internazionale e radicata sul territorio che, nata con l’obbiettivo di promuovere la creatività nell’arte e nell’artigianato artistico, con un’apertura senza confini sul mondo del sacro, al servizio della Chiesa Cattolica e dell’intera società, collabora con le botteghe artigiane storiche e con l’Opera del Duomo, contribuendo a formare nuove e specifiche figure professionali per questi ruoli. A novembre la Sacred Art School organizzerà la sua prima mostra, intitolata In una Carne, presso il Museo dell’Opera del Duomo, presentando le opere realizzate dai suoi studenti e insegnanti, e introducendo gli insegnamenti di San Giovanni Paolo II sulla Teologia del Corpo.

ARTE SACRA E CORPOREITÀ
Ma l’obbiettivo principale di questa esposizione sarà quello di poter realizzare l’evento conclusivo del 12 dicembre: un workshop sul tema Arte Sacra e Corporeità, che permetterà di confrontare tra loro studiosi di Filosofia, Teologia, Storia dell’Arte e promuovere i 25 artisti emergenti della Sacred Art School di Firenze, provenienti dal panorama nazionale ed internazionale. Per farlo è partita sulla piattaforma Eppela (con termine il 7 dicembre) una campagna di crowdfunding, sostenuta da Fondazione ChiantiBanca con il programma CrowdChianti. Il crowdfunding, del valore di 10mila euro, con un cofinanziamento di Fondazione ChiantiBanca, erogato al raggiungimento della metà dell’obiettivo economico fissato, servirà a dare visibilità al lavoro di questi 25 allievi e a diffondere il loro messaggio in tutto il mondo. “Con i fondi raccolti potremo organizzare in dettaglio il workshop del 12 dicembre”, affermano gli artisti emergenti, ”promuoverlo, filmarlo, pubblicarne gli atti e diffondere tutto il materiale attraverso i diversi mezzi di comunicazione”. Sono previste anche una serie di interessanti e “preziose” ricompense per chi contribuirà alla campagna di crowdfunding: dal catalogo della mostra ad alcune delle opere artistiche realizzate dagli studenti e dagli insegnanti, nonché diversi prodotti della Sacred Art School.

https://www.eppela.com/it/projects/10736-aiuta-25-giovani-artisti-a-diffondere-il-loro-messaggio

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.