Uffizi Live. Il direttore Eike Schmidt apre il museo in orario notturno a musica, teatro e danza

Una rassegna di performance per portare sempre più pubblico dentro le sale del museo fiorentino. Doppio appuntamento con Arlecchino e la danza

Firenze, Gallerie degli Uffizi
Firenze, Gallerie degli Uffizi

Prosegue senza sosta l’intensa attività di promozione delle Gallerie degli Uffizi, grazie alla direzione di Eike Schmidt che, a un anno dal suo insediamento, ha dato una decisa accelerata all’operatività del museo, consentitagli dalla riforma Franceschini, in materia di autonomia organizzativa. L’ultima iniziativa in ordine di tempo – ideata in collaborazione con Opera Laboratori Fiorentini – riguarda l’apertura serale delle Gallerie – fino alle 22 e fino al 27 settembre – che si accompagna a Uffizi Live: un fitto calendario di appuntamenti di musica, teatro, danza e performance delle più diverse arti dello spettacolo. “Ogni martedì sera proporremo gratuitamente, cioè con il normale biglietto d’ingresso, spettacoli dal vivo che si collegano in vari modi con le opere d’arte degli Uffizi“, afferma Schmidt. “Nella programmazione diamo spazio a piccole realtà artistiche e a iniziative che valorizzano il patrimonio artistico in maniera originale”.

APPUNTAMENTO CON ARLECCHINO E LA DANZA
Martedì 23 agosto, per esempio, Uffizi Live propone un doppio appuntamento: l’Associazione Culturale La Macchina del Tuono propone nella Sala 34 (L’antico e il Giardino di San Marco) Le dodici fatiche di Arlecchino. Recital di Commedia dell’arte, con due attori, Roberto Andrioli e Michele Carli, che interpretano i numerosi personaggi/maschere corrispondenti agli archetipi classici, dal povero Zanni al vecchio e avaro Pantalone, dal Capitano Vanaglorioso agli innamorati, dal Dottore Pedante al furbo/sciocco Arlecchino; sempre martedì 23 agosto, al secondo piano degli Uffizi, Agnese Lanza e Julie Havelund propongono Inter Pares Project. Si tratta di un progetto di ricerca di danza contemporanea che ha debuttato a Londra nel 2013, e che da allora è stato presentato in diversi spazi sia nel Regno Unito che in Italia. Prendendo spunto dall’ambiente circostante, il duo danzante si esibirà in poetiche performance che alternano movimento e immobilità in relazione allo spazio, ispirandosi a figure e pose di alcune opere esposte lungo il percorso.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.