Master of Photography: su Sky Arte HD il primo reality per i futuri grandi fotografi

Arriva su Sky Arte HD il primo reality show dedicato alla fotografia. Master Of Photography sarà in onda dal prossimo 21 luglio: 8 puntate e tre giudici d’eccezione: Simon Frederick, Rut Blees Luxemburg e Oliviero Toscani…

Sky Arte HD - Master of Photography, i giudici Simon Frederick, Rut Bless Luxemburg e Oliviero Toscani
Sky Arte HD - Master of Photography, i giudici Simon Frederick, Rut Bless Luxemburg e Oliviero Toscani

“Questo reality è stato una sfida difficile e complicata”, spiega Roberto Pisoni direttore di Sky Arte HD “Si tratta di un format televisivo completamente nuovo, mai intrapreso prima. Grazie ad un team di professionisti siamo riusciti a portare la fotografia, quella vera e talentuosa, in televisione”.
Master of Photography il primo reality show sulla fotografia, andrà in onda su Sky Arte HD dal 21 luglio. Il programma verrà trasmesso in contemporanea in 5 Paesi (Italia, Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria) articolato in 8 puntate per 8 sfide all’ultimo scatto, dove 12 concorrenti di differenti nazionalità, si affronteranno in location sempre diverse: Roma, Berlino, Londra, solo per citarne alcune. La produzione, di stampo internazionale, è promossa da Sky Arts Producion Hub.
In ogni puntata sarà presente un ospite come Alex Webb, Bruce Gilden, Elina Brotherus, Jason Bell, Lois Greenfield, Franco Fontana, Jonny Briggs e David LaChapelle.

LA REALTÀ OGGETTIVA E SOGGETTIVA DELLA FOTOGRAFIA
Un saluto dal Canada di Isabella Rossellini, presentatrice del reality, ha aperto la conferenza stampa. L’attrice ha raccontato di aver accolto con entusiasmo l’idea di questo nuovo format, avendo trascorso molto tempo di fronte alla macchina fotografica come modella per grandi artisti, come Helmut Newton.
“Il 95% delle cose che conosciamo lo dobbiamo alle immagini fisse” ha esordito Oliviero Toscani, uno dei tre giudici del programma. “Siamo testimoni del nostro tempo, e questa è una responsabilità enorme. Le foto non sono solo una testimonianza estetica, ma anche un manifesto socio-politico, rappresentando la realtà che è al contempo oggettiva e soggettiva. Una realtà che può avere diverse rappresentazioni. La fotografia è diventata la nuova scrittura e bisogna diventare più poeti e più autori nel dare vita alle foto. Questo reality è l’inizio.”

Sky Arte HD - Master of Photography, i concorrenti
Sky Arte HD – Master of Photography, i concorrenti

SCOPRIRE I TALENTI
Simon Frederick – altro arbitro del reality – racconta come sia sempre difficile riconoscere il talento nell’ambito della fotografia, tanto quanto capirne i vari generi.
In conferenza stampa era presente l’attore Michael Madsen, che ha posato per i concorrenti nella puntata dedicata ai ritratti. L’attore ha parlato di un’iniziale dubbio nel affrontare questa, per lui nuova, avventura essendo abituato alle immagini in movimento e non a quelle statiche. Ma si è immediatamente sentito a suo agio posando di fronte ad una macchina fotografica, ammettendo di essersi divertito molto.
Oggi il progresso tecnologico rende la fotografia una pratica diffusissima, ma un bravo fotografo ha costanza, pazienza, tenacia: ha già in testa l’immagine che vuole catturare. Master of Photography vuole far comprendere cosa si cela dietro una fotografia: non solo uno scatto, ma qualcosa che ha a che fare con le emozioni

– Isabella Calidonna

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Isabella Calidonna
Calabrese, attualmente vive a Roma. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Storia e Conservazione del patrimonio artistico e archeologico presso l’Università della Calabria e la specializzazione post-laurea in Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi di Siena. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati in Calabria, fino al suo trasferimento. Ha lavorato, e continua a farlo tuttora, come operatrice didattica presso luoghi culturali quali Colosseo, Scuderie del Quirinale, Palazzo delle Esposizioni, Musei Capitolini, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Terme di Diocleziano e Villa Torlonia. Si occupa altresì di editoria attraverso recensioni e presentazioni di libri. Ha fatto parte del comitato scientifico e organizzatore della seconda edizione della rassegna “Vedere l’Altro, vedere la Shoah” tenutasi presso l’UNICAl nel 2013. Si è occupata della valorizzazione e fruizione del patrimonio naturale e culturale della sua città, nonché di progetti di comunicazione e culturali, tra cui la “Settimana della Cultura 2011” e le “Giornate Europee del Patrimonio 2009”. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni cartacee e su testate online.

2 COMMENTS

  1. Interessante format! Mi ricorda il mio lavoro per l’esame del diploma di fotografia, al “South London College” a Londra, oltre trenta anni fa!
    All’epoca ho scelto di realizzare una ‘locandina teatrale completa’ (foto e scritta).
    Con la gentilissima collaborazione di un artista di strada di nome TONY
    WATT, ( lui studiava recitazione nello stesso collegio) che non mi stancherò mai di ringraziare sopratutto per la sua disponibilità e pazienza nel cambiarsi i vestiti, e si perché, nella foto, è sempre lui con abiti ed espressioni diversi! Ho usato un’ Hasselblad. ‘Montaggio manuale’ direttamente sul negativo!
    Giuseppe Sammarro . Ideatore e fondatore del collettivo artistico
    L G A A -LondonGiusAngelArt-

Comments are closed.