Anish Kapoor in mostra a Napoli da Casamadre. La nostra intervista in anteprima

Un incontro con Anish Kapoor, in occasione dell’inaugurazione della sua personale da Casamadre, lo spazio partenopeo voluto da Eduardo Cicelyn. Una chiacchierata con lo scultore angloindiano, a proposito dell’arte, come infinito ventaglio di possibilità

Anish Kapoor - Photo Casamadre
Anish Kapoor - Photo Casamadre

Il mio più grande problema è disimparare ciò che so, ed è ciò che non so, ciò che rischio di scoprire, ciò che rischio nel non sapere, a consentire l’apertura della possibilità”. Parla così Anish Kapoor (Mumbai, 1954): intervistarlo significa dimenticarsi di parlare con un artista. E, inavvertitamente, scivolare nella consapevolezza di essere innanzi all’Arte stessa in atto, ad un processo artistico in fieri: acceso nella continua mutevolezza dei suoi occhi e gesti, pronti a inseguire i vissuti evocati e innescati da domande in cui si immerge con generosa curiosità.

SPALANCARE LA POSSIBILITÀ
Animato da improvvisi lampi di gioia – la gioia dell’arte e dell’immensa libertà aperta dal vuoto attorno a cui l’artista plasma ogni sua opera – Kapoor racconta dell’inebriante caduta libera nel “rischio di non sapere” e di “spalancare la possibilità”, in cui abbandonarsi a occhi chiusi, consegnandosi tra le braccia di “oggetti che invitano a una forma di partecipazione che aiuta a comprendere qual è la parte mancante, senza dare risposte, ma aprendo potenzialità”. Eterne e acroniche, come gli archetipi, percezioni ed emozioni di cui le opere di Kapoor sono ambientazione e generazione. Ma quale atteggiamento può aiutare l’osservatore a guardar meglio dentro a questo vuoto, e a questa potenzialità? E per ricercare quali archetipi, percezioni, emozioni? Che rapporto può innescarsi tra arte e tecnologia e, in ultima analisi, qual è la forza che genera l’arte? Nelle ore dell’attesissimo opening della sua prima personale da Casamadre, Anish Kapoor si racconta ad Artribune

Diana Gianquitto

www.lacasamadre.it

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Diana Gianquitto
Sono un critico, curatore e docente d’arte contemporanea, ma prima di tutto sono un “addetto ai lavori” desideroso di trasmettere, a chi dentro questi “lavori” non è, la mia grande passione e gioia per tutto ciò che è creatività contemporanea. Collaboro stabilmente con Artribune dal suo nascere, dopo aver militato fino al 2011 in Exibart. Curo rassegne, incontri, mostre, corsi, workshops e seminari in collaborazione, tra gli altri, con il Pan – Palazzo delle Arti Napoli, il Forum Universale delle Culture 2010, la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Università Parthenope e le gallerie Overfoto e Al Blu Di Prussia. Sono da anni ideatrice, curatrice e docente di corsi e laboratori di avvicinamento all’arte contemporanea in numerosi enti culturali, condotti secondo una metodica sperimentale da me ideata che sintetizzo sotto il label di CCrEAA - Comprensione CReativa e Empatico Ascolto dell'Arte e che mira a promuovere un ascolto empatico dell’arte allo scopo di una sua comprensione, comunicazione, divulgazione e veicolazione più profonda e incisiva. La mia ricerca è orientata in particolare verso le forme espressive legate alle tecnologie digitali, all’immateriale, alla luce e all'evanescenza, a un’evocazione di tipo organico, a una ricognizione olistica del senso antropico ed esistenziale capace di armonizzare indagine estetica, sensoriale, cognitiva, emotiva e relazionale. [ph: Giuliana Calomino (particolare)]