Italiani in Trasferta: Il “Muro Sonoro” di Giuseppe Caccavale inaugura all’Istituto Italiano di Cultura di Parigi. In collaborazione con il compositore Stefano Gervasoni

Nel presentare quest’ultimo progetto, un’opera multimodale creata sul muro di accesso dell’Hôtel Galliffet, che inaugura il 26 maggio a Parigi, la direttrice dell’Istituto di Cultura Italiano nella capitale francese, Marina Valensise ha precisato, con un certo orgoglio, il proprio ruolo di ‘regista’ nelle fasi di realizzazione dell’opera. Il tutto nel massimo rispetto per l’autonomia dell’arte, […]

Nel presentare quest’ultimo progetto, un’opera multimodale creata sul muro di accesso dell’Hôtel Galliffet, che inaugura il 26 maggio a Parigi, la direttrice dell’Istituto di Cultura Italiano nella capitale francese, Marina Valensise ha precisato, con un certo orgoglio, il proprio ruolo di ‘regista’ nelle fasi di realizzazione dell’opera. Il tutto nel massimo rispetto per l’autonomia dell’arte, lasciando gli artisti liberi di creare e di esprimersi.
Cercando un incontro tra la materia tangibile della parola incisa e quella dematerializzata del suono, l’artista Giuseppe Caccavale e il compositore Stefano Gervasoni hanno dato vita a un vero e proprio muro sonoro. All’incisione del Canto notturno di un pastore errante dell’Asia di Leopardi e di altre quattro composizioni liriche di Alfonso Gatto, Leonardo Sinisgalli, Lorenzo Calogero e Bartolo Cattafi, si accompagna il “calco” di Gervasoni.

L’INSTALLAZIONE SONORA
Si rintracciano i rumori del cantiere d’installazione e le parole delle poesie grazie a delle rielaborazioni elettroacustiche che generano nuove combinazioni compositive ad ogni passaggio.
Le voci che escono dal muro sono quelle della mezzo soprano Monica Bacelli, che recita i testi, e dello stesso Caccavale. L’obiettivo è ridare voce al nostro Paese e a secoli di emigrazione, di speranze, di abbracci fra popoli. Come il pastore errante nel suo peregrinare interroga la luna sulla condizione umana, così il suono e la parola esplorano l’essenza materiale e immateriale della poesia. Una vera e propria operazione di “spolvero”, in cui “la parola ha una sua figura ed è meno menzognera dell’immagine”. Nel mondo di oggi che, paradossalmente, proprio sull’immagine si fonda.
Realizzata in collaborazione con gli ex allievi dell’Ensad, che non conoscono la lingua italiana, l’opera riesce a rafforzare il concetto di estraneità all’idioma, unito al potere del grafema, segno elementare che costituisce l’unità minima dei sistemi di scrittura. Incise attraverso l’uso dei caratteri mobili disegnati da Alberto Tallone durante il suo apprendistato nell’Ile Saint-Louis (trait d’union tra Italia e Francia), le parole parlano il suono dello sforzo perpetuato per farsi presenza vera e tangibile, plasmatore di nuova realtà. Per uscire “dal buio e dal vuoto”.

-Massimiliano Simone

Parigi // 26 maggio 2016
INSTITUT CULTUREL ITALIEN
73, rue de Grenelle
+33 (0)1 44 39 49 39
http://www.iicparigi.esteri.it/iic_parigi/it/
H 18,00 – Inaugurazione
H 20,00 – Concerto inaugurale

Monica Bacelli, mezzo soprano
Giulio Biddau, piano
Alvise Vidolin et Marco Liuni, elettronica in tempo reale
Luigi Nono, La Fabbrica Illuminata (1964)
pour voix et bande magnétique
Stefano Gervasoni, Fu verso o fu inverno (2016)
Cycle vocal pour mezzo, piano et électronique en temps réel

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Simone
Massimiliano Simone è nato ad Alessandria nel 1988. Ottenuto il diploma di Master di II livello in Museologia, museografia e gestione dei beni culturali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nel 2020 ha conseguito un dottorato di ricerca in Storia dell’Arte e Letterature moderne presso l’Università Paris VIII, in cotutela con la Scuola Normale Superiore di Pisa e in codirezione con l’Ecole Pratique des Hautes Etudes. Ha lavorato presso il Museo Civico d’Arte Antica di Palazzo Madama, i Musei di Strada Nuova di Genova e il Museo del Louvre di Parigi. Consigliere dell’Association des Historiens de l’Art Italien di Parigi, attualmente collabora con le università francesi come professore a contratto in storia dell’arte moderna e italiano.