Il volto internazionale del Premio Celeste. Ancora pochi giorni per iscriversi, bastano cinquanta euro a opera. Concorsi a pagamento: se la qualità è alta vale la pena pagare?

Quinta edizione per il Celeste Prize, la versione internazionale del Premio Celeste. Chiuse già da un mese le iscrizioni per la tradizionale sezione italiana – che compie già dieci anni, con la direzione di Andrea Bruciati e la mostra dei quaranta finalisti al Pan di Napoli, in ottobre – mentre per il Prize ci sono ancora pochissimi giorni […]

Gabriele Di Matteo, Ami Barak, serie The Blind Man - fotografia, 50 x 80 cm

Quinta edizione per il Celeste Prize, la versione internazionale del Premio Celeste. Chiuse già da un mese le iscrizioni per la tradizionale sezione italiana – che compie già dieci anni, con la direzione di Andrea Bruciati e la mostra dei quaranta finalisti al Pan di Napoli, in ottobre – mentre per il Prize ci sono ancora pochissimi giorni di tempo. Dead line fissata infatti al prossimo 31 luglio: sono ammessi artisti di tutte le età e appartenenze geografiche, anche alle primissime armi e dediti a diversi linguaggi. Ecco le categorie in concorso: Painting & Graphics, Photography & Digital Graphics, Video & Animation,  Installation, Sculpture & Performance,  Curator’s Choice, Visitors’ Choice. Per le prime quatto ci sono 4mila euro in palio,  3.500 per la penultima e solo 500 per l’ultima. Il metodo è sempre caratterizzato da una forte interattività, tra presenza sul web e partecipazione diretta di pubblico e artisti: nella prima fase il curatore del premio – quest’anno Ami Barak, critico d’arte e docente alla Sorbonne di Parigi – sceglie e pubblica online 120 opere tra le moltissime pervenute; poi ogni curatore del comitato di selezione (Ferran Barenblit Iara Boubnova  Katrina Brown  Florence Derieux  Dominique Fontaine  Christian Fuller  Mihnea Mircan  Gean Moreno  Ian Alden Russell  Alia Swastika  Gaëtane Verna) tra queste ne sceglie e pubblica venti (cinque per categoria). Le quaranta che otterranno  il maggior numero di preferenze arriveranno in finale, con una mostra all’Ex Gil di Roma. Quindi, saranno gli stessi finalisti a votare per scegliere le opere vincitrici.

Celeste Prize 2012 - Jacqueline Tune, What Father Sees, England, Oct 2011 - vincitrice sezione Fotografia
Celeste Prize 2012 – Jacqueline Tune, What Father Sees, England, Oct 2011 – vincitrice sezione Fotografia

E veniamo alla nota più spinosa: l’obolo per la partecipazione. Servono cinquanta euro per ognuno dei lavori candidati. E le polemiche non mancano, qui come altrove. Per qualcuno resta un errore chiedere quote di questo tipo che, ancorché contenute – ma nemmeno troppo – non dovrebbero gravare su chi partecipa e deve, semmai, essere scelto e supportato in virtù del suo talento: insomma, viste le migliaia di iscrizioni che giungono (in questo come in altri concorsi) il ritorno economico è altissimo e il risultato è che gran parte dei costi, alla fine, li coprono gli artisti.
Il che, a fronte di una buona qualità, del buon livello dei curatori coinvolti, di una selezione rigorosa e dei premi assegnati (che siano borse o residenze), ci potrebbe pure stare. In tempi di crisi soprattutto, dare una mano colelttivamente è ammesso. Sempre meglio di quei casi in cui, tra furbizia e approssimazione, a somme ben più alte corrispondono progetti scadenti e nessuna reale opportunità per i partecipanti. Allora la domanda è: questi concorsi, al di là degli euro richiesti per accedervi, servono davvero agli artisti? Si riesce a unire trasparenza, scouting coraggioso e alto profilo qualitativo? Alla scena giovane internazionale, e soprattutto italiana, che contributo danno? La parola al pubblico, ai curatori e prima di tutto agli artisti, naturalmente. 

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.