Dolomiti Contemporanee, più un Corot. Tanti ospiti per l’evento che ha inaugurato il nuovo spazio di Casso, ecco foto e video di chiccera

La chicca, del tutto inattesa, della mostra? Un piccolo dipinto assolutamente inedito di Jean-Baptiste-Camille Corot, recentemente rinvenuto in una soffitta della Valcellina, e inserito nel percorso espositivo fra le opere di dodici giovani artisti italiani. Un lusso – e magari anche un bel colpo di fortuna – che si è concesso Dolomiti Contemporanee, che con […]

La chicca, del tutto inattesa, della mostra? Un piccolo dipinto assolutamente inedito di Jean-Baptiste-Camille Corot, recentemente rinvenuto in una soffitta della Valcellina, e inserito nel percorso espositivo fra le opere di dodici giovani artisti italiani. Un lusso – e magari anche un bel colpo di fortuna – che si è concesso Dolomiti Contemporanee, che con la mostra Roccedimenti ha inaugurato sabato 6 luglio il Nuovo Spazio di Casso: evento curato da Gianluca D’Incà Levis che ha richiamato oltre 400 le persone giunte da tutta Italia e dall’estero, incuriosite da questo Centro per la Cultura Contemporanea della Montagna, aperto in questa ex scuola, chiusa dalla Tragedia del Vajont nel 1963, ed oggi viva e produttiva.
Gli artisti? Da Aron Demetz ad Alessandro Pagani, Emmanuele Panzarini, Davide Zucco, Lucia Veronesi, Alessandro Roma, Pierpaolo Febbo, Mario Tomé, Cosimo Terlizzi, Gianni De Val, Francesco Ardini, Andrea Grotto. Chiccera? A voi la palla, noi vi mettiamo a disposizione una fotogallery…

www.dolomiticontemporanee.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.