Una grande open call per un Piccolo caos. Entra nel vivo il progetto d’arte partecipativa di Marinella Senatore a Cagliari: i protagonisti si reclutano (e si formano) fra i cittadini

È partita la chiamata pubblica per il progetto d’arte partecipativa che a Cagliari coinvolgerà il quartiere di Sant’Elia, ma non solo. Saranno almeno un migliaio tra professionisti, studenti e amatori, i protagonisti di Piccolo caos – Sant’Elia viva!, l’opera collettiva frutto della residenza di Marinella Senatore, che confluirà in un melodramma video in tre atti, […]

È partita la chiamata pubblica per il progetto d’arte partecipativa che a Cagliari coinvolgerà il quartiere di Sant’Elia, ma non solo. Saranno almeno un migliaio tra professionisti, studenti e amatori, i protagonisti di Piccolo caos – Sant’Elia viva!, l’opera collettiva frutto della residenza di Marinella Senatore, che confluirà in un melodramma video in tre atti, girato live al Teatro Massimo il 26 marzo per essere diffuso anche in versione radiofonica. Attingendo al linguaggio teatrale per accomunarlo a quello cinematografico. Il progetto, che prenderà il via il primo marzo, si concluderà il 26 dello stesso mese con una performance aperta al pubblico.
Nessun limite di età o provenienza per i cittadini non professionisti che realizzeranno riprese, post produzione e regia in collaborazione con l’artista e il Teatro Lirico. Un work in progress, ispirato al progetto di Tim Rollins e K.O.S. condotto negli anni ’80 nel South Bronx, aperto a chiunque intenda dare il proprio apporto fondato sul concetto di memoria collettiva con l’obiettivo di stimolare la collaborazione tra i cittadini e favorire la conoscenza del territorio.
La prima fase del progetto consiste in una serie di corsi di formazione gratuiti tenuti da professionisti locali per introdurre i vari step, che avranno luogo al Lazzaretto dal 2 al 7 marzo, dalle ore 10 alle 20, previa iscrizione a [email protected]. Tra gli insegnamenti impartiti: Breve viaggio alla scoperta del cinema di Antioco Floris, Il suono nell’immagine cinematografica di Marcellino Garau, Movimento scenico di Cristina Locci. Infine, per reclutare i membri della troupe, l’appuntamento è fissato per l’8 e il 9 marzo sempre al Lazzaretto.

– Roberta Vanali

www.mondipossibilicagliari.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.