Evoluzionismo campano. Raffele Bova e il barcode

Come in un prequel di un’avvincente serie narrativa, Raffaele Bova svela la genesi della personalissima ricerca sul “codice a barre”, raccontando la genesi delle criptiche forme. È l’uomo la chiave. Succede ad Aversa, da Kouros, fino al 30 giugno.

Raffaele Bova - Ecce Homo - Kouros, Aversa 2013

Col suo ultimo lavoro, Raffaele Bova (Caserta, 1946) offre ai fruitori una promenade visiva, riepilogativa e assorta sul tema della “spersonalizzazione iconica”, leitmotiv della sua quarantennale ricerca. L’evoluzione dell’uomo, da primate a “erectus”, porta infine al codice a barre: mediante un percorso catartico, l’essere umano, liberatosi dalle insidie della foresta primitiva, entra nella selva dei codici a barre e delle icone digitali, perdendosi e smaterializzandosi in questa. Le tragicità di cui i media quotidianamente raccontano inducono a una somatizzazione passiva di notizie, scevra da pulsioni critiche ed emotive, e il bisogno di iper-connessione col mondo colma sempre più la disconnessione dal proprio Io e dalla propria sfera emozionale. La corsa dell’uomo all’evoluzione si trasforma agli occhi di Bova in regressione tout court.

Luigi Rondinella

Aversa // fino al 30 giugno 2013
Raffaele Bova – Ecce Homo
a cura di Enzo Battarra e Enzo Di Grazia
KOUROS
Via Magenta 81
www.raffaelebova.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Luigi Rondinella
Luigi Rondinella (Caserta, 1981) è architetto, dottore di ricerca in conservazione dei beni architettonici, critico d’arte e curatore. Nel 2018 diventa funzionario architetto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Collabora con Artribune dal 2011.