Quando il buddhismo è street

Nuovo spazio bolognese, con un occhio attento alla street art internazionale. Elastico apre con un progetto inedito di 2501, giovane ma lanciatissimo talento, che continua il suo viaggio fra pittura e installazione. Saccheggiando immaginari eterogenei, da Oriente a Occidente. Fino al 9 febbraio.

2051 - Vajrapani - work in progress della mostra presso lo Spazio Elastico, Bologna 2013

Vajrapani, protettore dell’Illuminato e simbolo della sua potenza. Un titolo che racconta subito la forza di una condizione mistica: buddhismo tibetano, tradizione induista, spiritualità che soffia da Oriente. Eppure, entrando in galleria, non è un’armonia di pause e di silenzi ad accogliere lo sguardo. A farsi preghiera, qui, è la pratica minuziosa ma travolgente della pittura. Jacopo Ceccarelli aka 2501 (Milano, 1981) attinge a piene mani dal folklore millenario dell’India e del Tibet: lo sfarzo di cromie, la pletora di decorazioni, le sontuose iconografie religiose. Mescolando tutto con frammenti di memorie urbane e chiassose coreografie street.

Exploit impetuoso sulla parete centrale: getti di colore sparati con un estintore, arma impropria lasciata a vista, come cimelio di un corpo a corpo col tempo e lo spazio. È così che si usa a San Paolo del Brasile, dipingendo tra le favelas, là dove tutto è ri-cominciato, per Jacopo. E allora eccolo oggi cimentarsi con questa action painting che spalanca un infinito color della pece: buco nero di passione, immagine deflagrata, energica. E poi, tutto intorno, delicatezze di carta e di segni, trasparenze plastiche, storie sottovoce, miniature, figurine in punta di pennello. Liquide, evanescenti. Come apparizioni nel mezzo di un sogno. Raccontando l’olimpo degli dei, il lusso della libertà, la ferocia della strada e l’ininterrotta vicenda – gioiosa e giocosa – della pittura, amore di sempre.

Helga Marsala

Bologna // fino al 9 febbraio 2013
2501 – Vajrapani
ELASTICO STUDIO
Via Porta Nova 12
3394470779
[email protected]
www.elastico.org

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.