Pittura: femminile, singolare

Macchie di colore che debordano dalle tele. Composizioni cromatiche raffinate, di ascendenza francese. Un’indagine dell’universo “donna”, dai modelli agli stereotipi. Materialità e plasticità oltre la cornice nelle sale di Car Projects a Bologna, fino al 4 febbraio.

Alexis Marguerite Teplin - The Other Side of Paradise - veduta della mostra presso Car Projects, Bologna 2011 - photo Dario Lasagni

L’allargamento della pittura, che è il punto nodale della ricerca di Alexis Marguerite Teplin (California, 1976; vive a Londra), ha a che vedere con un’attitudine performativa. Non si tratta però solo di gestualità, dell’atto del dipingere; le opere tendono piuttosto alla costruzione di un ambiente o, meglio, di una scenografia. In questa sua seconda personale a Bologna, l’artista statunitense presenta una serie di lavori in cui la passione per i pattern cromatici di stampo post-impressionista viene coniugata con l’analisi dell’immaginario femminile, rappresentato dall’inserimento  diretto di lettere dell’alfabeto di Anthon Beeke. Sorprende il comparto scultoreo: assemblaggi a partire da un piatto di Clarence Cliff e da un abito cartaceo di Scott, in cui il valore simbolico dei due oggetti si lega alla manipolazione praticata dall’artista tramite l’utilizzo di gesso e colore.

Claudio Musso

Bologna // fino al 4 febbraio 2012
Alexis Marguerite Teplin – The Other Side of Paradise
CAR PROJECTS
Viale Pietro Pietramellara 4/4
051 552462
[email protected]
www.carprojects.it


Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Musso
Critico d'arte e curatore indipendente, la sua attività di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Archeologia e Storia dell’arte presso l'Università di Bologna, ateneo dove aveva precedentemente conseguito la laurea triennale e specialistica. Attualmente è docente di Fenomenologia delle arti contemporanee e di Teoria della percezione e psicologia della forma presso l’Accademia G. Carrara di Belle Arti di Bergamo dove ricopre il ruolo di Coordinatore del corso di Pittura, insegna inoltre Linguaggio della visione presso Spazio Labo’ a Bologna. Tra il 2007 e il 2011 ha collaborato con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Ha partecipato in qualità di curatore e di membro di giuria a festival internazionali (LPM - Live Performers Meeting, Roma – Minsk; roBOt - Digital Paths into Music and Arts, Bologna) ed è stato invitato come relatore a convegni e conferenze in Italia e all’estero (tra le altre AVANCA | CINEMA International Conference Cinema, Art, Technology - Cineclub Avanca, Portogallo; VIII MAGIS – International Film Studies Spring School - Università di Udine, Gorizia; Artscapes - An Interdisciplinary Conference on Art and Urban Scapes - University of Kent, Canterbury). Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Prende parte al network Digicult e collabora con il magazine di cultura digitale Digimag. Scrive regolarmente per Artribune. Ha pubblicato numerosi articoli, testi critici e saggi, il più recente si intitola Dalla strada al computer e viceversa (Libri Aparte, Bergamo 2017).