Viva! 2013

Roma - 15/11/2013 : 23/11/2013

Seconda edizione di Viva! la rassegna di musica nuova, la musica che sfida le definizioni, la musica di ricerca che non si guarda alle spalle, curata da Pino Saulo di Battiti Radio 3.

Informazioni

Comunicato stampa

A Romaeuropa festival il 15 novembre parte la seconda edizione di Viva! la rassegna di musica nuova, la musica che sfida le definizioni, la musica di ricerca che non si guarda alle spalle, curata da Pino Saulo di Battiti Radio 3. Rella the Woodcutter, Mai mai mai, Margareth Kammerer, Francesco Guerri e Carla Bozulich Evangelista saranno protagonisti di quattro serate live - 15 e il 16 novembre, 22 e il 23 novembre - all’opificio Telecom Italia e al Brancaleone


Quest’anno, Viva! si muoverà su alcune linee emerse dalla prima edizione – la percezione allargata, l’esplorazione del suono – aprendosi all’idea di struggimento.
La passione lancinante, divorante, esasperata che aspira a tradursi in estasi terrena la ritroviamo nella musica carnale di Rella the Woodcutter, si insinua nelle canzoni apparentemente svagate e sbilenche di Margareth Kammerer, vibra nelle corde del violoncello con cui Francesco Guerri ingaggia un aspro corpo a corpo e si manifesta nelle melodie strascicate di Carla Bozulich.
I live di Viva! saranno registrati da Radio3 e trasmessi ogni sabato di dicembre all’interno del programma Battiti.

Programma

Il 15 novembre all’Opificio Telecom Italia il concerto di Rella The Woodcutter inaugura la seconda edizione di Viva!
Una totale devozione e una conoscenza profonda della materia canzone ne fanno uno dei più interessanti tra i musicisti che continuano la tradizione che va dal folk psichedelico al blues, alla libera sperimentazione.
Il cantato di Rella è ricco, intenso e avvolgente, talvolta ti accompagna in uno stato di profonda trance. Nel suo progetto “Archetype”, con la partecipazione di Maurizio Abate, strumenti e voce si innalzano in un unisono psichedelico costruito da aperture country o da grovigli di rumore che si dissolvono in statici accordi.
Membro di Eternal Zio, Rella The Woodcutter è stato parte del collettivo The Rotten Wine Company e molti dei suoi album sono editi da etichette indipendenti. http://boringmachines.bandcamp.com/album/rella-the-woodcutter-the-golden-undertow

Ad aprire il concerto di Rella The Woodcutter, Mai Mai Mai che presenterà il suo primo album “Theta” appena uscito per l’etichetta Boring Machines: un mix di Drone e Ambient, field recordings e soundscapes che ci conducono verso epoche arcane al confine fra la vecchia Europa ed il mistico Oriente. https://soundcloud.com/boringmachines/mai-mai-mai-theta


Il 16 novembre Viva! nel suo secondo appuntamento porta sul palco Margareth Kammarer, compositrice, vocalist e performer altotesina di base a Berlino, apprezzata a livello internazionale per le sue canzoni 'obliquamente pop' o abstract blues. La Kammarer lavora sia in solo che con i gruppi The Magic I.D. (con Christof Kurzmann, Kai Fagaschinski e Michael Thieke) e The rubyrubyruby (con Steve Heather e Derek Shirley). E' attiva anche nel campo del teatro e della performance, ultimamente con Jay Scheib, Adeline Rosenstein, Antonija Livingstone e Bo Wiget e compone musiche per teatro, film e radiodramma.
Con il suo progetto “Why is the sea so blu” componimenti minimal e suoni astratti ispirati alla poesia classica e contemporanea, creano armonie stratificate che evocano mondi lontani, verso i quali ci si lascia traghettare dalla sua voce sottile e fragile. https://myspace.com/margarethkammerer/music/songs

Il 22 novembre il terzo appuntamento di Viva! vede protagonista il violoncello rock di Francesco Guerri che si esibirà prima da solo e poi insieme a Carla Bozulich. Guerri, diviso tra il classico del Conservatorio e il mondo moderno, sperimenta la sua ricerca melodica e timbrica con la sete di comunicare attraverso un linguaggio contemporaneo, ne è un esempio l’uso alternativo che fa del violoncello, portato dal mondo della musica classica a quello del rock e del minimalismo. Francesco Guerri e Carla Bozulich nascono come duo nel 2008 e l'unione del loro lavoro va in scena con il nome di Bloody Claws. A Viva! Presenteranno il progetto Witching Witching Witching, una performance che fonde le loro caratteristiche in un insieme di improvvisazione e noise, sapientemente completati da una voce profonda. http://www.youtube.com/watch?v=ldF-0NMKaeU https://soundcloud.com/francesco-guerri.

Il 23 novembre Viva! si chiude con il concerto di Carla Bozulich che ritorna sul palco di Romaeruopa, questa volta al Brancaleone, con la sua band/lab Evangelista. La Bozulich è in grado di creare delle performance indimenticabili, in cui il confine tra pubblico e artisti crolla di fronte al lirismo onirico della sua voce ridefinendo i confini tra canzone d'autore, poesia urbana e sonorità d'avanguardia. Se mai fosse possibile parlare di un’eroina musicale contemporanea, Carla Bozulich ambirebbe di diritto allo scomodo trono. Operativa nell’ultimo decennio con la sigla Evangelista – dopo una carriera spesa insieme agli industrial-rockers Ethyl Meatplow e ai ben più noti alternative-country rockers Geraldine Fibbers¬ -
Carla vive una seconda giovinezza artistica da quando nel 2006, all'epoca unica musicista non canadese, è stata accolta in casa Constellation, cult-label di Montreal su cui pubblicano tra gli altri i Godspeed You! Black Emperor. Il titolo del suo primo album, "Evangelista", è diventato nel 2007 il nome del progetto stesso, sorta di laboratorio aperto i cui punti fermi sono presto diventati, oltra a Carla, Tara Barnes (basso) e Dominic Cramp (tastiere). Il suo ultimo album"In Animal Tongue", e i precedenti sono valsi alla Bozulich copertine di riviste specializzate (The Wire, Blow Up) e l’acclamazione unanime di critica e pubblico. Le registrazioni e i numerosi tour con Evangelista non hanno impedito a Carla Bozulich di portare avanti numerose collaborazioni e di esibirsi in progetti di sound installation presso la Schindler’s House e il Getty Museum. Nell’agosto del 2009 Carla ha suonato al fianco di Marianne Faithfull e Marc Ribot all’interno della Ruhrtriennale 2009 a Dusseldorf. Nel 2011 ha curato una giornata del prestigioso Donau Festival, dove ha invitato Laurie Anderson, David Tibet e Lydia Lunch.
http://soundcloud.com/constellation-records/sets/cst082