Vito Lentini – Donnesco

Milano - 16/09/2015 : 29/09/2015

Vito Lentini, artista, disegna e dipinge un universo tutto volto ad osservare quella femminilità che è piena di sensualità, delicatezza e forza al contempo; passione e una profonda sensibilità.

Informazioni

  • Luogo: STATUTO 13
  • Indirizzo: Via Statuto 13 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 16/09/2015 - al 29/09/2015
  • Vernissage: 16/09/2015 ore 18,30
  • Autori: Vito Lentini
  • Curatori: Massimiliano Bisazza
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato

Comunicato stampa

Cos'è la femminilità? Cosa ha indotto la storia dell'umanità a inseguire un concetto così vasto e a volerlo esprimere attraverso le varie manifestazioni nelle Arti: dalla letteratura in prosa alla poesia, dalle arti figurative e quelle concettuali, dal cinema al teatro?

Per Simone de Beauvoir “ la femminilità è un' essenza velata dal mistero e dal dubbio” .

Un mondo affascinante pieno di aneddoti e di complessi atteggiamenti che sono tipici dell'Universo trocaico

Vito Lentini, artista, disegna e dipinge un universo tutto volto ad osservare quella femminilità che è piena di sensualità, delicatezza e forza al contempo; passione e una profonda sensibilità.

Le silhouettes dipinte da Lentini sono cromaticamente ben dosate ed equilibrate e osservandole dal vivo sono ricche di una matericità appena definita, mai ridondante ma visivamente piacevolmente espressa con delicate increspature di colore e materia.
La ricerca tecnica si appalesa nello studio della superficie in rilevo sulla tela, dove il disegno si amalgama volutamente alla corposità del pigmento e ci induce a “sentire” un disegno in modo quasi palpabile, cinestetico.

Emerge l'amore dell'artista per il concetto di scatto fotografico di un preciso istante di vita ma sceglie di proporci quell'attimo disegnandolo e dipingendolo.
La creatività dell'artista Lentini si esprime grazie alla palese sensazione di dinamismo che ricorda una sorta di danza; dove i personaggi si mescolano dagli anni '70 al contemporaneo, in fluttuazioni sinuose solitarie o attorniate da quelle fiere (fenicotteri, giraffe, tigri...) che fanno pensare ad un voluto rimando alle loro singole peculiarità caratteriali.


Una pittura muliebre e piacevole è quella di Vito Lentini, che non fa fatica ad essere apprezzata da un pubblico vasto, che sappia lasciarsi andare alle sensazioni, senza pretese iconografiche volte necessariamente a stilemi del passato.

Oggi si possono vedere artisti che, come Vito Lentini, hanno saputo trarre giovamento dalla pittura del passato per poi coniugarla, con spontaneità e sincerità, con una visione del sociale o intima più coesa ed estesa a ogni livello culturale, intellettuale, sentimentale...e non solo.