Visione Analitica

Pieve di Soligo - 28/02/2015 : 12/04/2015

La rassegna offre un’esemplare e originale ricognizione intorno al panorama europeo della Pittura Analitica affermatasi negli anni Settanta del secolo scorso come uno dei fenomeni più rilevanti della ricerca artistica contemporanea.

Informazioni

  • Luogo: VILLA BRANDOLINI
  • Indirizzo: Piazza Libertà 7 - Pieve di Soligo - Veneto
  • Quando: dal 28/02/2015 - al 12/04/2015
  • Vernissage: 28/02/2015 ore 17
  • Curatori: Claudio Cerritelli
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: 17.00 - 19.00, da martedì a venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00 sabato, domenica e festivi dalle ore 10.30 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 19.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

La rassegna offre un’esemplare e originale ricognizione intorno al panorama europeo della Pittura Analitica affermatasi negli anni Settanta del secolo scorso come uno dei fenomeni più rilevanti della ricerca artistica contemporanea.
Attraverso un affascinante confronto tra artisti di diversa provenienza (Italia, Francia, Germania, Olanda) la mostra intende offrire al grande pubblico un’occasione irripetibile per conoscere una delle stagioni più significative del rinnovamento della pittura aniconica come campo di molteplici orientamenti


La mostra si articola nelle splendide sale di Villa Brandolini con un percorso di oltre 60 opere di varie dimensioni, mettendo in evidenza i caratteri fondamentali della “visione analitica” ad opera di autori che hanno sempre operato in termini di pittura. Si tratta di una lezione di sguardo dove la percezione della superficie pittorica comunica le sue componenti fondamentali: analisi del processo cromatico, azzeramento strutturale, pura luminosità, illimitata tensione spaziale, minime variazioni del segno, elementi concatenati nel corpo della pittura.
Le definizioni che accompagnano questa lontana, e sempre presente, stagione della ricerca artistica degli anni Settanta (astrazione analitica, pittura aniconica, Pittura anti-naturalistica e radicale) indicano un interesse verso la riflessione sugli strumenti del dipingere e sui tempi di percezione, e nel contempo documentano un ampio campo di pratiche creative, mai riducibili a un’unica visione operativa.
Percorrendo le sale espositive e osservando i diversi linguaggi delle opere, lo spettatore può cogliere le differenti temperature cromatiche che i pittori fissano sulla superficie rinnovando il loro linguaggio e sviluppando una coscienza critica in rapporto con la rivoluzione dell’avanguardia storica (astrattismo, suprematismo, costruttivismo)
In tal senso, la mostra pone in evidenza la diversa natura dei materiali adottati dentro e oltre la tradizione del dipingere, con uso di strumenti tecnici e di supporti anche estranei alla consuetudine del dipingere.
L’amplificazione del concetto di opera indica che il valore delle metodologie esecutive è legato alla costante verifica dell’operazione pittorica come luogo di stesura tattile del colore, di disposizione seriale degli elementi dal centro ai bordi, oscillazione continua tra sensibilità soggettiva e oggettiva impersonalità dell’atto pittorico.
Queste problematiche creative sono state parallelamente indagate da parte dei critici d’arte militanti, costantemente impegnati nel dibattito intorno ai fondamenti della nuova pittura europea (da Filiberto Menna a Tommaso Trini, da Giorgio Cortenova a Italo Mussa, da Paolo Fossati a Vittorio Fagone, da Marcelin Pleynet a Klaus Honnef).
Tali contributi sono importanti per comprendere il significato storico-culturale di questa straordinaria avventura che rilancia i destini della pittura come linguaggio ancora in grado di interpretare le ragioni creative del presente e gli slanci verso la soglia di un futuro possibile.
La rassegna è accompagnata da un catalogo con un saggio del critico curatore Claudio Cerritelli, docente di storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano.
Oltre alla riproduzione fotografica delle opere in mostra- è proposta un’ulteriore documentazione di opere dello stesso periodo e apparati bio-bibliografici sugli artisti partecipanti.

Autori: Jaap Berghuis, Enzo Cacciola, Vincenzo Cecchini, Paolo Cotani,
Noel Dolla, Ulrich Erben, Riccardo Guarneri, Giorgio Griffa,
Vivien Isnard, Claudio Olivieri, Gottardo Ortelli, Pino Pinelli,
Claudio Verna, Gianfranco Zappettini