Vincenzo Satta – Lieve

Nuoro - 07/11/2014 : 07/12/2014

La ricerca di Satta si sviluppa a partire da forme geometriche per raggiungere, nel corso degli anni, soluzioni più libere.

Informazioni

  • Luogo: MAN - MUSEO D'ARTE DELLA PROVINCIA DI NUORO
  • Indirizzo: Via Sebastiano Satta 27 - 08100 - Nuoro - Sardegna
  • Quando: dal 07/11/2014 - al 07/12/2014
  • Vernissage: 07/11/2014 ore 19
  • Autori: Vincenzo Satta
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 20:00 (Lunedì chiuso)
  • Biglietti: Intero: 3,00 euro Ridotto: 2,00 euro (dai 18 ai 25 anni) Gratuito: under 18 e over 65. Gratuito: ultime domeniche del mese Biglietto unico MAN/TRIBU: 4,00 euro

Comunicato stampa

In seno alla manifestazione Magie d'inverno, sarà assegnato il Premio Montblanc, un riconoscimento alla creatività e all’ingegno della città di Nuoro, che prevede la selezione annuale di due personalità rappresentative. La cerimonia, che si svolgerà il 7 novembre alle ore 17 presso l’Istituto Regionale Etnografico, sarà seguita dall’inaugurazione della mostra di Vincenzo Satta al Museo Man.

La ricerca di Satta si sviluppa a partire da forme geometriche per raggiungere, nel corso degli anni, soluzioni più libere

Dopo una prima fase influenzata dalle ricerche di area informale, e una seconda in linea con il clima della pittura analitica, all’interno della quale l’artista individua un percorso autonomo di grande rigore, nella produzione più matura le forme geometriche cedono il passo a linee curve e forme ondulate e I'attenzione si focalizza sul ruolo centrale della luce. Le opere inedite in mostra al Man appartengono a quest’ultimo periodo.

Grandi tele strutturate su toni chiari ed evanescenti, di giallo, rosa o di azzurro, nelle quali la pittura risulta alleggerita da offuscamenti che ne trasformano il timbro, attutendolo. La luce di queste superfici non viene quindi ottenuta tramite l’uso del colore, che quasi trascende la propria materialità, ma attraverso infinite velature che ne condizionano la percezione.Modulata dal mutare dell’inclinazione emotiva dell’artista, la luce non viene potenziata e proiettata all’esterno ma, al contrario, catturata e quasi celata nel susseguirsi delle diverse fasi di realizzazione del quadro, colta nella sua ultima possibilità d’essere, fermata un attimo prima del suo spegnersi.



Vincenzo Satta
Nato a Nuoro nel 1937. Frequenta l’Istituto d’Arte di Sassari nella sezione di Architettura con Stanis Dessy e Vico Mossa. Nel 1961 si iscrive alla Accademia di Belle Arti di Bologna. Il suo lavoro si sviluppa in cinquanta anni di attività, dalla prima mostra personale a Bologna nel 1966, con presentazione di Andrea Emiliani, fino alla 54° Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia nel 2011. Vive e lavora a Bologna.