Vincenzo Aulitto – Miseno

Pozzuoli - 17/05/2012 : 10/06/2012

La mostra ha per tema il mitico promontorio che prende il nome dal trombettiere di Enea, morto, secondo la leggenda, nelle acque del golfo di Pozzuoli (una leggenda italica che Virgilio inserisce nel sesto libro dell’Eneide, vv.226).

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA APOTHECA
  • Indirizzo: via solfatara 133 - Pozzuoli - Campania
  • Quando: dal 17/05/2012 - al 10/06/2012
  • Vernissage: 17/05/2012 ore 18
  • Autori: Vincenzo Aulitto
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La mostra ha per tema il mitico promontorio che prende il nome dal trombettiere di Enea, morto, secondo la leggenda, nelle acque del golfo di Pozzuoli (una leggenda italica che Virgilio inserisce nel sesto libro dell’Eneide, vv.226). Miseno osa sfidare Tritone nel suono della tromba, per questo viene punito dagli dei e fatto annegare in mare; il corpo viene subito ritrovato ed Enea, angosciato dalla morte dell’amico, organizza un solenne funerale (il profilo del monte somiglia a un tumulo)

In seguito a questo evento e secondo la profezia della Sibilla cumana l’eroe troiano trova nel vicino bosco il ramo d’oro che gli permetterà di accedere all’Ade nell’Averno.
Il promontorio di Miseno, da sempre, si dispiega in tutta la sua bellezza davanti alla finestra del mio studio, ed è un’immagine che fa ormai parte della mia quotidianità. Da me è stato “rappresentato” in tanti modi, non solo per le sue caratteristiche estetiche e naturalistiche, ma anche perché Miseno rappresenta, come tutte le montagne, l’altura, simbolo della ricerca spirituale dell’uomo.
Nella mostra saranno esposti lavori su carta di piccole dimensioni, che sono i “bozzetti”, le idee grafiche che hanno introdotto il tema principale, e una serie di opere di cm 70x50 su tela, in cui il profilo della montagna si svela ogni volta in situazioni immaginifiche e oniriche.
Alcune opere di medie e grandi dimensioni, dalle forme tridimensionali e collocate a parete o nello spazio, trattano il tema della natura del luogo, forme e superfici intrise di terre vulcaniche e vegetali.