Verena D’Alessandro – Su terre silenziose

Roma - 18/10/2011 : 26/11/2011

Vengono presentati una ventina di dipinti ad olio di grande, medio e piccolo formato realizzati dall'artista negli ultimi due anni.

Informazioni

Comunicato stampa

La Galleria Incontro D'Arte inaugura la nuova stagione espositiva con una mostra personale di Verena D'Alessandro. Vengono presentati una ventina di dipinti ad olio di grande, medio e piccolo formato realizzati dall'artista negli ultimi due anni.
Conosciuta prevalentemente per i suoi paesaggi urbani e suburbani, Verena D'Alessandro in quest'ultimo ciclo di opere offre in visione un insieme di immagini dove, al posto di scenari cittadini, a dominare è un ambiente naturale. Sono tutti paesaggi immaginati, creati dalla fantasia e dalle memorie visive dell'artista, volutamente lontani da qualsiasi riferimento geografico

Attraverso quest'ultima serie di opere Verena D'Alessandro ci conduce in un suggestivo percorso tra terre appartate dove predomina un'atmosfera di silenzio e quiete irreale.
Come già in precedenti lavori, anche in questi ultimi dipinti l'uomo, come soggetto, è del tutto assente; non così le sue frequenti tracce che si scorgono qua e là nelle vaste e ariose composizioni in bianco e nero e color seppia, e in morbide tinte perlopiù giallo, ocra, e terra bruciata.
I dipinti in esposizione sono stati tutti realizzati dall'artista mediante una stesura pittorica veloce ottenuta con sicuri colpi di spatola, raschiature e lisciature che nella loro essenzialità suscitano forti emozioni.
BREVI NOTE BIOGRAFICHE
Verena D'Alessandro vive e lavora a Roma dove insegna Comunicazone Visiva presso il Master in Psicologia dell'Arte e dell'Organizzazione Museale all'Università La Sapienza. Specializzatasi, dopo la laurea, in Sociologia dell'Arte all'Ecole des Hautes Etudes di Parigi, ha iniziato la sua attività espositiva nel 2001 con una mostra personale alla Galleria Le Opere a Roma.
Tra le sue più recenti esposizioni personali sono da ricordare quelle svoltesi alla Galleria Pold'Arte a Spoleto (2011); alla Galleria Zamenhof a Milano (2011); alla Galleria Civica a Manziana (2010); alla Galleria Lombardi a Roma (2008); alla Galleria André a Roma (2007).
Una quarantina sono le esposizioni collettive a cui è stata invitata a partecipare. Ricordiamo solo alcune tra le più recenti: Post-Avanguardia alla Galleria Zamenhof a Milano (2011), al Castello Estense a Ferrara (2010), al Castello Malaspina a Massa Carrara (2010), al Castello di Carlo V a Lecce (2010); Mimesis all'Atelier Chagall a Milano (2010) e alla Pinacoteca Civica ad Imperia (2010); Impronta globale all'Istituto Superiore Antincendi a Roma (2008); Incontro tra culture all'Istituto Culturale d'Egitto a Roma (2006); Sinfonie Urbane alla Galleria Il Narciso a Roma (2006); Raffigurazioni ed oltre alla Galleria Studio S - Arte Contemporanea a Roma (2006); Inchiostro indelebile. Impronte a regola d'arte al Museo Nazionale d'Arte Contemporanea a Buenos Aires (2005).