Vendi napoli e poi muori – Sell Naples and Die

Napoli - 20/09/2019 : 15/11/2019

I cinque artisti coinvolti interagiranno sul concetto di "napoletanità" nell'odierna era della globalizzazione, tema focale del romanzo, utilizzato come pretesto per sviluppare analisi antropologiche o psicologiche sul territorio in un ideale dialogo critico ed espositivo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FONTI
  • Indirizzo: Via Chiaia 229 - Napoli - Campania
  • Quando: dal 20/09/2019 - al 15/11/2019
  • Vernissage: 20/09/2019 ore 18
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: dal lunedì al venerdì ore 15 / 19

Comunicato stampa

Galleria Fonti is pleased to announce the group exhibition Vendi Napoli e poi muori - Sell Naples and Die, with artists Maurizio Esposito, Gianluca Panareo, SAGG NAPOLI, Sven Sachsalber and Constantin Thun, inspired by Gennaro Ascione's novel and curated by Lorenzo Xiques.

The exhibition will be the fourth of a series of group shows in which guest artists and artists of the gallery program will deal with a specific topic showing both existing works or commissioned for the event


The five artists involved will collaborate and explore the concept of "napoletanità" - a word used to express the Neapolitan spirit - in the current globalisation era, main theme of the novel used as a pretext to develop anthropological or psychological analysis on the territory in a critical and expositive ideal dialogue.

Vesuvio, 11 luglio 2017 and Ghost Trees are the titles of the photographs by Maurizio Esposito, which have been selected from an ongoing project started two years ago.
"I lived on the slopes of Vesuvius with my family, sharing presence and belonging to the place. This strong, unconscious feeling, slowly got diluted by the distance, looking at everything from afar, turning Vesuvius into a landscape. In July 2017, 2.700 hectares of pine forests were burned and 50 million bees died. I felt a sense of danger and protection. I helped the fire brigade after a tormented night of anguish. Vesuvius was awakening as an inner presence. When everything extinguished, I felt the need to return and take pictures, dedicating to "him" a real assignment that continues today. "

The Doors of the Mountain King's Hall by Gianluca Panareo.
“On the first night I arrived in Naples, while I was sitting on the steps of a church with friends, I was attacked by the balls thrown by some street kids, a clear invitation to free what was their usual playground. I invited them to express their energy by throwing balls in the spaces of the abandoned Arti Grafiche Napoletane typography, where I was doing my site-specific intervention. On the walls I hung dozens of metal printing plates lying abandoned on the floor, connected to sensors and then synthesizing the noise produced, in order to create an "orchestra" of noise music ... That noise, that energy imprinted, from anger it would become a reason for joy and fun, the driving force behind my installation. "

The graffiti You are cancelled and the video-installation in dialogue with the "open" balconies of the gallery are the two site-specific interventions that SAGG NAPOLI imagined for the spaces of the Galleria Fonti.
"SAGG Napoli’s artistic practice uses narration as a tool to examine the complex socio-political knot of the South of Europe: its historical traces and geo-political entanglements. Placing the body within a specific time and context, the artist reflects on the notions of productivity, self-control, and achievement. The period is the current divisions between peoples and countries, amid increasing territorial acts and cultural biases; the context is Naples, the city of her birth."

Untitled (ampoule of San Gennaro's blood) by Constantin Thun is the title of one of the dozens of postcards that the artist sent to friends in Europe during his stay in Naples in 2015. "NUMI" is one of the words chosen and engraved on the postcard, used in speech therapy for the functional re-education of the communicative and cognitive disabilities of written and oral language, one of the problems of communication in today's digital age, and the central theme of the ongoing project.

Giallo Napoli is the title of the site-specific work created by Sven Sachsalber, a monochrome of the size of 150 x 100 cm built on a grid of thousands of boxes that the artist has filled day by day with a similar oil color for tonality and toxic component to the color giallo Napoli, exhausting research of the shine that characterizes the original one. The famous color of ancient origins, used in painting and emblematic of the city of Naples, according to the artist's research has never been registered and patented, yet it is present in commerce.
"It does not yet belong to anyone, except to its own city".


Sell Naples and Die

Narration and its optical languages are no more than a pretext to strip off vital fluids off the rotting carcass of novel as a form: the non-sensical falsification of an intuition that departs from the title and rushes to return to the title itself as soon as possible, by never turning back: Sell Naples and Die. Intuition, as such, has little to do with the so-called author, who committed suicide long time ago now. The author passed away immediately after he had doomed his own characters and the snotty history of their psychic evolution to death, in order to sacrifice their bodies and their personal vicissitudes on the altar of a city that a city is no more. Naples is not a stratified urban space anymore rather it is a coherent system of signs immediately recognizable by a generalist public of consumers therefore easily saleable within the global market of mass cultural products. Who is genuinely interested in Naples? Surely not who demands to the really-existing-city nothing but the sparkle of cold light that the entertainment industry scientifically produces by inducing rhythmical mechanical frictions between stereotypes and archetypes. Both are in fact «types» even though the latter are encrusted forms of the former, which produce the illusion of being perennial while they draw legitimacy simply from the a-temporalized and de-spatialized sinking of the hierarchies of power that establishes what is to be considered eternally human and what eternally monstrous. Nevertheless, it is precisely upon the fault-line of such an enduring anthropological monstrosity that Naples unleashes its semantic substance that is pneumatic in nature; one that is able to inform, deform and transform unspoken words, hidden images, and unlived experiences, into Otherness: inspiration into conspiracy; literally, «breathing in» into «breathing with». Naples, thereby, becomes a necessity. The necessity to breathe collectively from a single imagery. Such an imagery materializes through the panoply of digital tools and telematics of XXI century, but it becomes visible for what it actually is: a telepathic matrix wherein the relationship between alternative and mutable configurations of the spacetime does not allow one single chronology of pasts, presents, and futures, rigidly defined once and for all. For this reason, the collective artistic intervention into this imagery that Sell Naples and Die re-activates, thus celebrates, gives life to six creative acts, six distinctive morphogenesis, whose presence, nonetheless, marks a co-presence within a single morphodynamics ruled by occult internal ratios through six hermeneutical figures: memory, erasure, paroxysm, anachronism, commodification, heresy. The project Sell Naples and Die lives with the secret and seducing voluptuousness that drift could become a shipwreck among the waves of de-generation rather than comfortable stagnation into the mirror swamp of what has been already said or already done.

Gennaro Ascione




































Comunicato Stampa

Artisti: Maurizio Esposito - Gianluca Panareo -
SAGG NAPOLI - Sven Sachsalber - Constantin Thun
Titolo: Vendi Napoli e poi muori
ispirato al romanzo di Gennaro Ascione
a cura di Lorenzo Xiques
Inaugurazione: 20 settembre 2019 dalle ore 18.00 alle ore 20.00
Periodo: dal 20 settembre al 15 novembre 2019
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì ore 15 / 19
Info: tel +39 081411409 email: [email protected]
Follow us on Facebook
Follow us on Instagram


Galleria Fonti è lieta di annunciare la mostra collettiva Vendi Napoli e poi muori, con gli artisti Maurizio Esposito, Gianluca Panareo, SAGG NAPOLI, Sven Sachsalber e Constantin Thun, ispirata all'omonimo romanzo di Gennaro Ascione e curata da Lorenzo Xiques.

La mostra è la quarta di una serie di collettive in cui "artisti ospiti" e artisti che fanno parte del programma della galleria si confrontano su un tema specifico attraverso opere già realizzate o di nuova produzione.
I cinque artisti coinvolti interagiranno sul concetto di "napoletanità" nell'odierna era della globalizzazione, tema focale del romanzo, utilizzato come pretesto per sviluppare analisi antropologiche o psicologiche sul territorio in un ideale dialogo critico ed espositivo.

Vesuvio, 11 luglio 2017 e Ghost Trees sono i titoli delle fotografie di Maurizio Esposito scelte da un progetto iniziato due anni fa e tuttora in corso.
"Ho vissuto alle pendici del Vesuvio con la mia famiglia, condividendo presenza e appartenenza al luogo. Questa sensazione forte, inconscia, lentamente si è diluita con la lontananza, guardando tutto a distanza, trasformando il Vesuvio in un paesaggio. Nel luglio del 2017, 2.700 ettari di pinete sono andati bruciati e 50 milioni di api sono morte. Ho avvertito una sensazione di pericolo e protezione. Sono andato ad aiutare i vigili del fuoco dopo una notte tormentata e di angosce. Il Vesuvio si stava risvegliando come presenza interiore. Quando tutto si è spento, ho sentito il bisogno di ritornare e fotografare, dedicando a “lui” un vero e proprio lavoro che ancora oggi continua."

The Doors of the Mountain King's Hall è l' istallazione di Gianuca Panareo, traccia residuale di una performance proposta dall'artista nel 2017.
“La prima sera arrivato a Napoli, mentre ero seduto sugli scalini di una chiesa con amici, sono stato aggredito dalle pallonate lanciate da alcuni scugnizzi, un palese invito a liberare quello che era il loro abituale campo di gioco. Ho invitato gli stessi a scaricare la loro energia lanciando pallonate negli spazi dell'abbandonata tipografia Arti Grafiche Napoletane, in cui stavo realizzando un intervento site-specific. Alle pareti ho appeso le decine di lastre tipografiche in metallo che giacevano abbandonate sul pavimento, le ho collegate a dei sensori e ne ho sintetizzato il rumore prodotto, in modo da creare un "concerto" di musica noise... Quel rumore, quella energia impressa, da rabbia sarebbe diventata un motivo di gioia e divertimento, motore generatore della mia installazione."

Il graffito You are cancelled e l'istallazione-video in dialogo con i balconi "aperti" della galleria sono i due interventi site-specific che SAGG NAPOLI ha immaginato per gli spazi della Galleria Fonti.
"La pratica artistica di SAGG NAPOLI utilizza la narrazione come strumento per esaminare il complesso nodo socio-politico che riguarda il Sud Europa: le sue tracce storiche e le interrelazioni geopolitiche. Posizionando il corpo in un tempo e un contesto specifico, l'artista riflette sulle nozioni di produttività, autocontrollo e successo.
Il tempo è quello delle attuali divisioni tra popoli e paesi in mezzo a crescenti atti territoriali e pregiudizi culturali; il contesto è quello di Napoli, la città di nascita."

Giallo Napoli è il titolo dell'opera site-specific realizzata da Sven Sachsalber, un monocromo della dimensione di 150 x 100 cm costruito su una griglia di migliaia di caselle che l'artista ha riempito giorno per giorno con un colore ad olio simile per tonalità e componente tossica al giallo napoli, alla estenuante ricerca della brillantezza che ne caratterizza l' originale. Il famoso colore dalle origini antiche, usato in pittura ed emblematico della città di Napoli, secondo le ricerche dell'artista non è stato mai registrato e brevettato, eppure è presente in commercio.
" Non appartiene ancora a nessuno, se non alla città stessa".

Untitled (ampoule of San Gennaro’s blood) di Constantin Thun è il titolo di una delle decine di cartoline che l'artista ha inviato ad amici in Europa durante la sua permanenza a Napoli nel 2015. "NUMI" è una delle parole scelte e incise sulla cartolina, utilizzate in logopedia per la rieducazione funzionale delle disabilità comunicative e cognitive del linguaggio scritto e orale, uno dei problemi della comunicazion nell'odierna era digitale, e tema centrale del progetto ancora in corso.


Vendi Napoli e poi muori

La narrazione e i suoi linguaggi ottici sono poco più che un pretesto per leccare via i fluidi vitali dalla carcassa marcescente della forma-romanzo: la falsificazione sragionata di un’intuizione che dal titolo muove e al titolo in fretta e furia ritorna senza mai voltarsi indietro: Vendi Napoli e poi muori. Intuizione che, in quanto tale, poco ha a che vedere con il cosiddetto autore, morto suicida da tempo immemore, ormai; spirato dopo aver condannato a morte i personaggi e la boriosa storia della loro evoluzione psichica, per immolarne i corpi e le vicissitudini sull’altare di una città che città non è più: Napoli non più spazio urbano stratificato bensì sistema coerente di segni immediatamente riconoscibili da un pubblico generalista, e pertanto facilmente commercializzabile nel mercato globale dei prodotti culturali di largo consumo. A chi interessa, veramente, Napoli? Non certo a chi dalla città reale esige null’altro che lo scintillio di luce fredda che l’industria dell’intrattenimento scientificamente produce inducendo ritmiche frizioni meccaniche tra stereotipi e archetipi. Ambedue «tipi», benché i secondi forme incrostate e illusoriamente perenni dei primi, la cui legittimità deriva banalmente dall’inabissamento a-temporalizzato e de-spazializzato delle gerarchie di potere che stabiliscono cosa sia eternamente umano e pertanto cosa eternamente mostruoso. Pur tuttavia, è proprio sulla faglia di questa perdurante mostruosità antropologica che Napoli sprigiona sostanza semantica di natura pneumatica capace di informare, deformare e trasformare la parola taciuta, l’immagine celata, e l’esperienza non vissuta, in Altro da sé: l’ispirazione in cospirazione. Napoli, allora, diviene necessità di respirare insieme il medesimo immaginario dacché, una volta materializzato dalla panoplia di mezzi digitali e telematici caratteristici del XXI secolo, esso si mostra per ciò che è: una matrice telepatica entro la quale il rapporto tra configurazioni spaziotemporali pur sempre mutevoli non ammette cronologia rigidamente data tra passati, presenti e futuri. Ed è per questo che l’intervento artistico collettivo sull’immaginario riattivato, e dunque celebrato, con Vendi Napoli e poi muori, dà vita a sei atti creativi, attraverso sei morfogenesi distinte ma compresenti in una singola morfodinamica governata da occulti rapporti matematici interni per mezzo di sei cifre ermeneutiche: memoria, sottrazione, parossismo, anacronismo, mercificazione, eresia. Il progetto Vendi Napoli e poi muori, dunque, vive della segretissima e seducente voluttà che la deriva si faccia naufragio tra i flutti del degenere piuttosto che confortante ristagno negli specchi lacustri del già detto e del già fatto.

Gennaro Ascione





Vendi Napoli e poi muori. Una collettiva che fa riflettere

Galleria Fonti, Napoli – fino al 15 novembre. La collettiva allestita nella galleria partenopea analizza gli stereotipi legati a Napoli, “esportati” nel mondo dai social media e dalle tecnologie digitali in genere.