Umbria underground

Ferrara - 09/12/2011 : 01/01/2012

Umbria underground è un archivio creato da un laboratorio editoriale Ragnatele/PIM iniziato nel 2009. Le copertine e le pagine interne scelte di una selezione di eso-editori costruiranno lo spazio espositivo di un vero e proprio artist's bookshop.

Informazioni

Comunicato stampa

UMBRIA UNDERGROUND / PIM public illumination magazine / archiviazione 2

un progetto di VIAINDUSTRIAE con Prof.,Dr.,Dr. Zagreus Bowery/Jeffrey Isaac

a cura di Emanuele De Donno

spazio ZUNI, via ragno 15, Ferrara


opening Venerdì 9 dicembre 2011 ore 20,00

dal 9 Dicembre 2011 al 1 Gennaio 2012


edizioni

PIM public illumination magazine, Ragnatele / Xtrapaese / Precarious, Club Zotique,

RADIOazioni U, Grassetto magazine, Dolores fanzine, Lilliput Shuppan Publishers, viaindustriae/a+m bookstore, stranedizioni, Frigidaire, Cemento Fresco, Masquerade




interventi

Lorenzo Bartolucci, ABC, Mario Salvucci/skull-go-round, Jeffrey Isaac, Achille-Kindergarten/Attack

Ayumi Makita, Luca Pucci.


catalogo in mostra con artist's bookshop


allestimento VIAINDUSTRIAE


Umbria underground è un archivio creato da un laboratorio editoriale Ragnatele/PIM iniziato nel 2009.

Dopo 53 numeri pubblicati dal 1979 a New York e in Umbria, PIM (Public Illumination Magazine) la rivista più piccola del mondo del suo genere (7x11cm), continua ad illuminare i suoi selezionati lettori con i suoi autori pseudonimi. Questa speciale collaborazione e selezione PIM e Ragnatele/viaindustriae si basa sui 19 numeri di PIM pubblicati dopo il suo trasferimento in Umbria nel 1987 e una serie di presenze inedite.

Le copertine e le pagine interne scelte di una selezione di eso-editori costruiranno lo spazio espositivo di un vero e proprio artist's bookshop.

Sia universale che particolare, la peculiarità nutriente dell’Umbria costituisce un felice habitat per la cospirazione culturale e la collaborazione anche con territori limitrofi.

Le pubblicazioni incrociano i caratteri e le dimensioni per realizzare una pubblicazione ibrida, di confine, fertilizzante con le altre zone creative: Xtrapaese, Precarious, RADIOazioni U, Grassetto magazine, Dolores fanzine, Lilliput Shuppan Publishers, stranedizioni, Club Zotique, Frigidaire, Cemento fresco.
RAGNATELE e PIM magazine sono sempre alla ricerca dell’oscuro e dell'underground, e sono, con questo progetto, all'archiviazione numero 2 raccogliendo e invitando altre inedite forme espressive, indipendenti, autoprodotte, alternative, innovative. Nei luoghi ameni nascono per reazione azioni rock, spazi underground, immagini fertili, prolifiche, devianti e amorfe: questa la tesi.


“Le cascate delle Marmore e il ponte delle Torri a Spoleto sono luoghi di romanticismo e terribilità, sedi prescelte per suicidarsi. Le messe nere proliferano nei boschi montani, opere controverse come lo scheletro “Calamita Cosmica” di Gino De Dominicis alloggiano nei nostri musei... la vicenda cruenta di Meredith, il mostro di Foligno, la pazzia antropologica degli eugubini, Assisi underground, le mummie di Ferentillo, l’esoterismo di Buzzi alla Scarzuola, le sortite pornografiche della Bulgari nell’alta Umbria, la superstizione della Valnerina, i feticismi e la musica hardcore punk rock proliferante...il verde Wimbledon dell’Umbria vira al verde acido...”

il comitato editoriale Umbria Underground