Tu sei il mio volto

Roma - 17/05/2013 : 16/06/2013

L’esposizione farà da cornice a cinque settimane di appuntamenti tra concerti di musica classica (in collaborazione con l’A.Gi. Mus), performance di musica contemporanea, una rassegna di poesia migrante, eventi teatrali e un convegno sul tema del rapporto tra arte e psichiatria.

Informazioni

  • Luogo: EX CARTIERA LATINA
  • Indirizzo: Appia Antica 42 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 17/05/2013 - al 16/06/2013
  • Vernissage: 17/05/2013 ore 18
  • Generi: arte contemporanea, serata – evento

Comunicato stampa

una manifestazione culturale unica nel suo genere. In uno scenario senza pari all’interno del Parco dell'Appia Antica a Roma, nei suggestivi spazi della Ex Cartiera Latina, la mostra d’arte “Tu sei il mio volto” è stata scelta come evento inaugurale di Per Appiam ’13. Da venerdì 17 maggio a domenica 16 giugno, l’esposizione farà da cornice a cinque settimane di appuntamenti tra concerti di musica classica (in collaborazione con l’A.Gi. Mus), performance di musica contemporanea, una rassegna di poesia migrante, eventi teatrali e un convegno sul tema del rapporto tra arte e psichiatria

Cuore della manifestazione è l’impegno ad approfondire e proporre all’esterno un metodo di fare arte e di fare cultura che privilegi la ricerca sulla realtà psichica, il lavoro collettivo e le possibilità di integrazione tra forme espressive diverse.
Organizzata dalla Associazione Ipazia Immaginepensiero con il patrocinio dall’Ente Parco Regionale dell’Appia Antica e curata da Roberta Pugno, “Tu sei il mio volto” raccoglie le opere di sedici artisti italiani e stranieri nella grande Sala Nagasawa intitolata allo scultore-architetto giapponese che ha fortemente voluto il recupero della Ex Cartiera Latina, nella quale è presente con alcune sculture in esposizione permanente. Questo complesso è uno degli ultimi impianti industriali sopravvissuti nella capitale. Situato a ridosso delle Mura Aureliane, unisce idealmente l’Appia Antica alla via Cristoforo Colombo e si affaccia sulla Regina Viarum nel punto in cui questa interseca l’antico fiume Almone offrendo anche un accesso alla splendida valle della Caffarella.