Transfailurejungl

Venezia - 01/02/2013 : 05/02/2013

Mostra a cura di Gabriele Longega in collaborazione con il 19° Corso in Pratiche curatoriali.

Informazioni

Comunicato stampa

Artisti: Luka Širok, Gino Blanc, Petar Dakulovič
Mostra a cura di Gabriele Longega in collaborazione con il 19° Corso in Pratiche curatoriali.
Inaugurerà venerdì 01 febbraio 2013 a Venezia presso A plus A Centro Espositivo Sloveno la mostra Transfailurejungle degli artisti Luka Širok, Gino Blanc e Petar Dakulovič. Una manifestazione che si inserisce nel ciclo di progetti curatoriali ThisAge – realizzati con il 19° Corso in Pratiche curatoriali.

Dopo essersi conosciuti a Venezia e aver seguito un percorso comune di studi, hanno poi intrapreso ognuno una propria carriera artistica

In occasione di questa mostra i tre artisti hanno deciso di ritrovarsi e creare un progetto comune: costruire in loco un’installazione grafico/pittorica, una giungla di segni, di figure e astrazioni. I loro disegni si mescoleranno creando una condizione straniante, di mutazione: una transfluenza di immagini, di sensazioni. La non distinguibilità e la non attribuzione di ogni disegno al singolo artista, concentrerà l’attenzione sulla forza primitiva del gesto, in un mondo contemporaneo regolato da valori superficiali e di rappresentazione, in cui si è dimenticata la naturalezza dell’istinto umano sia a livello individuale che collettivo.
Transfailurejungle è un viaggio e un’immersione alla ricerca di un contesto ambientale dominato dalla fisicità, dalla spontaneità, il ritorno verso uno stadio primordiale. Trans come passaggio di stato dei lori disegni mutabili nell’unione di tre persone con background geografici e culturali diversi, Failure come giudizio morale sul nostro tempo, Jungle come un contesto operativo privo di regole e di ordine, una tabula rasa pronta per accogliere nuove visioni e nuovi modi di esistere.
Una dichiarazione di lotta verso la crescente sensazione di fallimento creatasi nella società occidentale, con una crisi economica che ha rivelato l’incosciente perdita di valori sociali, culturali, morali e spirituali, caratterizzando in negativo il nuovo secolo. Dicono gli artisti: ‘’L’opera diventa allora un deserto a colori in bianco e nero, non più solo traccia del proprio essere al mondo ma anche testimonianza dell’essere al mondo come azione di passaggio, data la sua condizione effimera ma eterna allo stesso tempo‘’.

Luka Širok nasce nel 1982 in Slovenia. Dopo essersi laureato all’Accademia di Belle Arti di Venezia, attualmente vive e lavora tra Berlino, Italia e Slovenia. Districandosi tra pittura e disegno partecipa a mostre collettive e personali, esponendo sia in Italia che in Slovenia.

http://www.lukasirok.blogspot.it/

Gino Blanc nasce a Venezia, dove vive e lavora, si laurea alla magistrale dell’Accademia di Belle Arti. Con la sua pittura densa e colorata ha esposto sia in mostre collettive che mostre personali muovendosi tra Italia ed estero.

http://www.ginoblanc.it/

Petar Dakulovič è un pittore croato formatosi all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Nasce nel 1980 a Fiume dove tutt’ora vive e lavora. Ha realizzato una ventina di mostre personali e collettive, tra Italia e Croazia.

http://www.petar-dakulovic.iz.hr/