Tino Stefanoni – Pittura oltre la pittura

Lecco - 27/05/2017 : 10/09/2017

Una mostra antologica che si svolgerà negli spazi di Palazzo delle Paure, rendendo così omaggio al suo più noto artista vivente.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO DELLE PAURE
  • Indirizzo: Piazza XX Settembre, 2 - Lecco - Lombardia
  • Quando: dal 27/05/2017 - al 10/09/2017
  • Vernissage: 27/05/2017 ore 18
  • Autori: Tino Stefanoni
  • Curatori: Barbara Cattaneo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a venerdì 9.30 -18; giovedì anche 21-23; sabato e domenica 10-18 chiuso il lunedì Aperture straordinarie: Venerdì 2 giugno 10-18 Martedì 15 agosto 10-18 Sabato 15 luglio NOTTE BIANCA ore 10-23 ingresso gratuito ore 18 visita guidata a cura di Barbara Cattaneo

Comunicato stampa

Dal 28 maggio al 10 settembre 2017 la Città di Lecco dedica a Tino Stefanoni (Lecco, 1937) una mostra antologica che si svolgerà negli spazi di Palazzo delle Paure, rendendo così omaggio al suo più noto artista vivente.
Grazie ai prestiti da parte dei collezionisti di Lecco e Provincia la mostra conterà per lo più opere inedite, mai esposte prima in spazi pubblici


Una mostra antologica di grande importanza - come dichiara l’Assessore alla Cultura Simona Piazza - con la quale l’Amministrazione e la Città di Lecco vogliono celebrare la carriera artistica di Tino Stefanoni, artista lecchese di fama internazionale che oltre all’ingente opera portata avanti nei suoi anni di carriera non ha dimenticato uno sguardo di attenzione alla sua città, collaborando attivamente non solo sotto il profilo artistico, ma anche rendendosi disponibile per iniziative di beneficenza a scopo sociale. La mostra, che per la prima volta prevede la collaborazione con un importante museo non del nostro territorio, verrà poi replicata alla Reggia di Caserta sotto la guida del direttore Felicori. Un prestigio non solo per l’opera del maestro Stefanoni, ma anche e soprattutto per la Città di Lecco che ha così l’opportunità di far conoscere i propri musei e collezioni fuori dal territorio locale. Non mancheranno gli eventi collaterali alla mostra, le visite guidate e la serata di dibattito con il critico Valerio Dehò che avremo il piacere e l’onore di leggere sul catalogo della mostra con il suo testo critico introduttivo. Possiamo definire questa la mostra di punta promossa a Palazzo Paure nel corso del 2017.

Il percorso espositivo cronologico si apre con le opere nelle quali si avvertono le suggestioni della Metafisica di Carlo Carrà che Stefanoni predilige rispetto a quella di Giorgio de Chirico per la sua capacità di far scoprire la bellezza nascosta nella vita quotidiana. Nel ciclo dei Riflessi (1965-1968), i piccoli rilievi tondi diventano la base per dipingere dei paesaggi in miniatura, in cui già si percepisce la cura al dettaglio che diventerà nel tempo una delle cifre più caratteristiche dell’artista lecchese.
A cavallo tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta, Stefanoni intuisce per primo la possibilità di utilizzare la segnaletica stradale nella rappresentazione della realtà, in maniera ironica e distaccata. Nascono così i Segnali stradali regolamentari, al cui interno sono inseriti oggetti-icona che rispondono a quell’esigenza linguistica, propria di quegli anni, di far conquistare all’elemento visivo, territori che appartenevano alla parola.
Queste immagini ritornano protagoniste nelle tele degli anni ’70 che mostrano una ‘metafisica senza mitologia’ con oggetti comuni come matite, mestoli, scope, flaconi, giacche, e altro, disposti su ordinate fila, sovrapposti o affiancati gli uni agli altri che dialogano con lo spazio vuoto o segnato da linee geometriche.
È il caso del ciclo delle Piastre, guida per la ricerca delle cose (1971), sculture che rispettano la bidimensionalità del disegno o della pittura o delle Memorie (1975-1976) dove le tracce degli oggetti sono replicati dai segni lasciati dalla carta carbone. In questi lavori, il richiamo alla Pop Art svanisce a favore del rigore dell’arte concettuale, alla quale Stefanoni si avvicina già alla fine degli anni ‘70 con Elenco di cose (1976-1983), una serie quadri realizzati con la lente d’ingrandimento, dove soggetti minimali e quotidiani, estranei alla tradizione della pittura come una cucina a gas o una pinza, diventano protagonisti di una ritrattistica quasi maniacale. A questa, seguirà quella delle Apparizioni (1983-1984) in cui domina l’essenzialità della linea e la distanza dal colore, con immagini impalpabili come colte attraverso un cielo nebbioso.
Come afferma Valerio Dehò, autore del testo in catalogo, Tino Stefanoni non adopera dei simboli, non vuole far aprire le porte all’ignoto o dell’inconoscibile. La sua apparente freddezza racchiude una passione per tutto ciò che di semplice l’uomo sia riuscito a creare, la sua arte ha pochi coinvolgimenti emotivi in questa fase proprio per l’essenzialità della disciplina platonico-cartesiana ma presuppone la complicità dello spettatore, la sua capacità di farsi sorprendere dall’ovvietà come strada per rileggere l’intera realtà. Il lavoro di Stefanoni è cristallo di rocca da scaldare con lo sguardo.
Dal 1984, con Senza titolo, il colore racchiuso dalla linea nera caratterizza le nature morte e le vedute, mai la figura umana. Sono ambientazioni nelle quali Stefanoni recupera, senza mitizzarla, la Metafisica, ma in cui è sempre presente la memoria della lezione di eleganza e rarefazione del Beato Angelico, al quale spesso l’artista si richiama per la passione dell’osservazione, legata alla scoperta delle geometrie segrete tra gli oggetti e gli elementi del paesaggio.
Le sue casette, i suoi alberi sono oggetti ridotti all’essenziale, alla semplicità di una forma riconoscibile, quasi illustrativa. Sono elementi della storia dell’arte italiana che diventano icone e per questo devono essere comprensibili, proprio perché hanno dei valori diversi dalla semplice rappresentazione.
I paesaggi o le nature morte, che costituiscono gran parte del lavoro di Stefanoni, non vogliono spiegare o raccontare, quanto rappresentare uno stato delle cose.
Anche le sue più recenti Sinopie, richiamando la tecnica dell’affresco, riflettono questo suo inserimento nella classicità del dipingere e aprono a forme di azzeramento del colore e dei contorni dei paesaggi, fino a diventare semplice pittura, sempre alla ricerca dell’essenzialità.

Accompagna la mostra un catalogo edito dal Comune di Lecco, nella Collana di studi e ricerche del Sistema Museale Urbano Lecchese, Materiali, con i testi istituzionali e un saggio critico di Valerio Dehò.


TINO STEFANONI, nato a Lecco nel 1937, ha studiato al Liceo Artistico Beato Angelico e alla facoltà di architettura del Politecnico di Milano. Dopo alcune mostre fra il ‘63 e il ‘66, la sua vera e propria attività artistica inizia nel 1967 con il conseguimento del 1° Premio San Fedele di Milano, importante rassegna per giovani artisti, della cui giuria facevano parte anche il conte Panza di Biumo e Palma Bucarelli. Da allora espone in numerose gallerie private italiane e straniere, spazi pubblici e museali, manifestazioni internazionali (Biennale di Venezia 1970 e 2011). Vive e lavora a Lecco.
Spazi pubblici e Musei: 1977 Palazzo dei Diamanti, Ferrara; 1979 Castello di Portofino; 1981 Museo ICC, Anversa; 1990 Museo Koekkoek, Kleve; 1992 Stadtgalerie, Sundern; 1994 Museo di San Marino e Villa Manzoni, Lecco; 1996 Palazzo Civico, Sarzana e Istituto Italiano di Cultura, Parigi; 1997 Istituto Italiano di Cultura, Chicago; 1999 Chiostri di San Domenico, Reggio Emilia e Galleria San Fedele, Milano e XIII Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma; 2000 Museo di Tortolì; 2002 Palazzo Forti, Verona; 2003 Trevi Flash Art Museum; 2005 XIV Quadriennale di Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma; 2006 Palazzo Pubblico Magazzini del Sale, Siena unito alla creazione del Drappellone del Palio del 16 agosto 2006; 2007 Casa del Console, Calice Ligure; 2008 Galleria d’Arte Moderna di Valdagno; 2011 Galleria Civica Ezio Mariani, Seregno; 2013 Galleria Gruppo Credito Valtellinese Refettorio delle Stelline, Milano; 2014 Università Bocconi, Milano e Palazzo Parasi, Cannobio.