Ventinovesimo festival Time in Jazz in programma a Berchidda e in altri centri del nord Sardegna.

Informazioni

Comunicato stampa

Alcune variazioni nel cartellone del ventinovesimo festival internazionale Time in Jazz, in programma dall'8 al 16 agosto a Berchidda e in altri centri del nord Sardegna. La prima riguarda le serate di mercoledì 10 e giov44edì 11: inizialmente previste all'esterno del Centro Laber (l'ex caseificio alle porte del paese ai piedi del Limbara, in via di riconversione in luogo di produzione e promozione culturale), si terranno invece, come le successive, nella consueta arena allestita in Piazza del Popolo (sempre con inizio alle 21,30)



Lo spostamento di sede non comporta alcun cambio di programma: il 10, dunque, doppio appuntamento con il pianista americano Justin Kauflin, protagonista nella prima parte attraverso le immagini del documentario di Alan Hicks "Keep on keepin' on", e poi in concerto. Due atti anche l'indomani (11 agosto): apre il progetto "Il tempo in posa" con le fotografie di Pino Ninfa accompagnate dal pianoforte dello svedese Jan Lundgren; chiude il duo clarinetto-fisarmonica di Gianluigi Trovesi e Gianni Coscia.

Come da programma anche le altre serate berchiddesi in Piazza del Popolo. Il pianista norvegese Bugge Wesseltoft e Christian Prommer, batterista e producer di musica elettronica di casa a Monaco di Baviera, saranno al centro del primo set di venerdì 12; a seguire, la "Norma" di Bellini riscritta in chiave jazzistica da Paolo Silvestri ed eseguita da elementi dell'Orchestra Jazz del Mediterraneo e dell'Orchestra Jazz della Sardegna con Paolo Fresu come solista. Sabato 13 si comincia con l'inedito duo di Rita Marcotulli e Mino Cinelu, quindi sale in cattedra uno degli ospiti più attesi del festival, Charles Lloyd con il suo New Quartet. Il progetto Last Of Songs degli israeliani Irit Dekel e Eldad Zitrin tiene banco nella prima parte di domenica 14; nella seconda, spazio al desert blues del chitarrista tuareg Bombino; infine, lunedì 15, Michel Portal in trio con Lionel Loueke e Jeff Ballard prima dell'immancabile festa di Ferragosto, quest'anno con Amadou & Mariam a menare le danze.

Sarà invece il Museo del Vino di Berchidda a ospitare il dopoconcerto in programma mercoledì 10 intorno alla mezzanotte e trenta: protagonista il gruppo Triple Point, formato dai migliori allievi della scorsa edizione dei seminari jazz di Nuoro, l'iniziativa didattica che si tiene ogni estate, dal 1989, nel capoluogo barabaricino, e che rinnova così, ancora una volta, la sua collaborazione con il festival diretto da Paolo Fresu.

Qualche rettifica anche nel calendario degli appuntamenti negli altri centri raggiunti dal festival. Venerdì 12 agosto, a Tempio Pausania, la cantante e pianista Silvia Zaru si esibirà nella chiesa di San Lorenzo e non di San Pietro, dove era inizialmente annunciata.

L'indomani (sabato 13), a Loiri Porto San Paolo, slitta in avanti di un'ora, dalle 11 a mezzogiorno, il progetto BAM che riunisce il contrabbassista Marco Bardoscia, il quartetto d'archi Alborada e la pianista Rita Marcotulli. Da rettificare anche il luogo dell'esibizione, che sarà la spiaggia di Porto Taverna e non la Tanca di Lu bagnu.

Inversione di orario, domenica 14, tra il concerto di Paolo Fresu e Mino Cinelu al Castello Doria a Chiaramonti, che inizierà alle 12 (anziché alle 18), e quello del trio di Stefano Battaglia a Tula, nella chiesa di Santa Maria di Coros, che da mezzogiorno passa alle 18.

Variazioni anche nel palinsesto di Time in Sassari, la consueta prosecuzione di Time in Jazz in territorio sassarese, che in questa edizione farà anche da "prologo" al festival. Il primo appuntamento è lunedì 8 a Sorso, dove il trio del bandoneonista Daniele di Bonaventura sarà di scena alle 18, come annunciato, ma al pozzo sacro di Serra Niedda e non più al Giardino degli aranci.

Cambio di sede e di programma anche per Cesare Picco, protagonista in serata a Sassari (ore 21,30): in sostituzione del previsto "Blind date – Concerto al buio" al Teatro Verdi, cancellato per motivi tecnici, si esibirà in un pianoforte solo al Parco di Monserrato che si annuncia all'insegna del trinomio musica, luce artificiale, buio naturale. Titolo: "Secret light".

E cambia infine lo scenario dell'ultimo atto dell'intero cartellone: martedì 16 agosto, il concerto del chitarrista tuareg Bombino, annunciato in origine a Platamona, si terrà invece sulla spiaggia dell'Argentiera, sulla costa nord-occidentale. La suggestiva località, a una quarantina di chilometri dal capoluogo turritano, sarà teatro di una serata (inizio ore 21,30) in collaborazione con il festival letterario Sulla Terra Leggeri diretto dallo scrittore Flavio Soriga, che, sotto l'insegna di "Scrittori da palco", propone una sorta di "cabaret letterario" coinvolgendo voci diverse della narrativa isolana: un gruppo di scrittori professionisti e occasionali, appassionati del palcoscenico che cambiano formazione ad ogni data, si danno il cambio al microfono uniti dal desiderio di raccontare storie senza annoiare il pubblico.

Lo stesso Flavio Soriga, prima di questo impegno all'Argentiera, sarà il coordinatore di un laboratorio di "scrittura più o meno creativa" in programma a Berchidda dal 9 al 12 agosto: due ore al giorno, una la mattina e una nel pomeriggio, in cui esercitarsi nel racconto del presente attraverso liberi incontri con lo scrittore, che proverà a dare consigli e a orchestrare il confronto tra i corsisti sui loro stessi lavori. L'iscrizione al laboratorio, che è finalizzato alla realizzazione di un reading dei partecipanti aperto al pubblico del festival, costa 150 euro.

È invece dedicato alla fotografia in ambito musicale l'altro workshop, "Storie mediterranee - Sul filo del racconto, in viaggio con la musica", che si terrà sempre a Berchidda dall'8 al 16, sotto la guida di Pino Ninfa. Stimolante terreno di prova per gli allievi saranno i diversi scenari del festival, da riscoprire in una nuova ricerca attraverso l'obiettivo. La quota di partecipazione, anche in questo caso, è di 150 euro.

Per informazioni, la segreteria di Time in Jazz risponde al numero telefonico 079704731 e all'indirizzo di posta elettronica [email protected] Per il calendario completo del festival e altre notizie: www.timeinjazz.it – www.facebook.com/timeinjazz.

Tutti i concerti sono a ingresso gratuito a eccezione di quelli in programma in piazza del Popolo a Berchidda. Biglietti e abbonamenti si possono acquistare online sul circuito Vivaticket e nei punti vendita autorizzati.