Thomas Kovachevich – Ritratti della stanza

Palermo - 10/06/2018 : 30/08/2018

Mostra personale

Informazioni

  • Luogo: SCHIAVUZZO 65
  • Indirizzo: Via Schiavuzzo 65 - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 10/06/2018 - al 30/08/2018
  • Vernissage: 10/06/2018
  • Autori: Thomas Kovachevich
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

The National Exemplar è lieto di annunciare la sua nuova mostra di THOMAS KOVACHEVICH: "RITRATTI DELLA STANZA- (Opere di carta dagli anni '70 ad oggi)"

10 giugno - 30 agosto 2018


Allego carte al muro, in strisce o forme geometriche. A seconda dell'atmosfera, la carta può essere appiattita contro il muro, altre volte si incurva nei tubi. Flat -to tubes -to flat again. Costante.

Un'analogia utile è il confronto tra la carta e la lancetta delle ore su un orologio. La lancetta delle ore si muove lentamente, un movimento impercettibile continuo. Il tempo passa


La carta si muove in risposta alla natura (cambiamenti di umidità, temperatura, pressione barometrica, correnti d'aria e innumerevoli altre variabili).

Anche la luce altera la nostra visione della carta. Le ombre appaiono di varie forme. Alba e tramonto portano ulteriore mistero. La luce diffusa ingrandisce l'ambiguità della percezione.

Negli anni Sessanta, ho iniziato a utilizzare il nastro di imballaggio per il suo scopo originale, ovvero chiudere le scatole di cartone. Ho fatto una varietà di cose con queste scatole. Li ho appesi al soffitto, li ho attaccati alle pareti, come blocchi per costruire sculture, mobili, tavoli e piedistalli.

Tra le prime mostre pubbliche che ho avuto è stato al Detroit Institute of Art. Sam Wagstaff era il curatore. Ha visitato il mio studio e mi ha invitato a partecipare a una mostra collettiva. Anche lui adorava le scatole. Li ho esposti come scatole, scatole di cartone ordinarie, 3 x 3 x 3 piedi, disposte sul pavimento, sparse a caso.
Questo era il 1969.

Mentre usavo il nastro di imballaggio, come nastro da imballaggio, ho notato quanto fosse bello il nastro per sé. Un materiale molto elegante. Aveva proprietà traslucide che brillavano, così come quelle opache.

Il nastro da imballaggio è diventato il mio materiale di lavoro quotidiano. Il lavoro con il nastro è diventato immediatamente problematico. Non potevo farlo fare quello che pensavo volessi che facesse. Alcuni giorni sarebbe rimasto piatto altri giorni si arricciò e divenne indisciplinato. Non potevo controllarlo. Ero frustrato

Alla fine, ho capito che dovevo lasciare che fosse la carta che voleva essere, che è gratuita. Libero di contrarre, espandere, arricciare e raggiare come vuole. Nessuna interferenza da parte mia

Ho messo da parte una stanza nella mia casa dedicata al nastro da imballaggio. Ho dipinto il pavimento con una vernice argentea lucida. Lì, tagliai strisce di carta di varie lunghezze e le sistemai sul pavimento. Ho tagliato forme geometriche in tutte le taglie e le ho buttate giù. Ho applicato dei colori pastello ad alcuni, ho aggiunto dei nastri, ho disegnato delle linee, segnato con la matita, a volte una goccia di vernice. Ho aggiunto il filo e il nastro "scotch". Poi sono uscito. Ogni giorno tornavo nella stanza per trovarlo e il foglio cambiava di volta in volta.

Ho notato che la carta si spostava da una parte all'altra del pavimento. Nessun vento, nessuna interferenza umana o animale. Si sono appena spostati con i cambiamenti di umidità e temperatura nella stanza. Si accoppiano e si raggruppano in gruppi, quindi si separano creando un tableau di relazioni l'uno con l'altro.

Non vedevo l'ora di visitare questa stanza ogni giorno. Sempre diverso

Un giorno ho attaccato un po 'di carta al muro in varie configurazioni. Ho fatto file ordinate di strisce di carta, poi costellazioni di geometrie, poi astrazioni di arrangiamenti contorti. Poi lascio che l'acquisizione della natura faccia la sua composizione. Sono diventati ritratti, paesaggi e immagini pittoriche non rappresentative di sogni infiniti.

Dagli anni '60 ho lavorato con nastro adesivo e altra carta.

Questo è solo gli aspetti base della scienza dietro l'estetica. C'è molto altro da dire.

Ho intenzione di continuare ...





Thomas Kovachevich (born in Detroit, Michigan in 1942)





Selected one-person museum exhibitions:



The Drawing Center

The Museum of Contemporary Art Chicago

Hotel Wolfers, Herman Daled, Brussels

Albert and Vera List Center at MIT, Boston

Corcoran Gallery of Art

Santa Monica Museum of Art